Il Cibo Spazzatura è Pericoloso e rende più Stupidi

E’ ormai assodato che il cibo spazzatura è un grave rischio per la salute, ma ora una ricerca dimostra che rallenta anche i processi mentali e rende più stupidi.

chiudi

Caricamento Player...

Una nuova ricerca effettuata dalla Università della California pubblicata sulla rivista “Physiology and Behavior”  ha riscontrato che le cavie nutrite per sei mesi con cibo spazzatura erano diventate pigre e indolenti, mostrando funzioni cognitive ridotte della metà e che sono rimaste scadenti anche dopo il ritorno a un’alimentazione sana. Una conclusione sconcertante che dovrebbe far riflettere su cosa ingeriamo durante i pasti. Ma perché il cibo spazzatura fa  male, e quali sono i cibi più pericolosi?

Dal 2010 è permesso aggiungere ai gelati la proteina ISP (ice structuring protein), una sostanza che ne rallenta lo scioglimento, replicata in laboratorio per mezzo di lieviti geneticamente modificati che amplificano a dismisura il rischio di allergie.

I popcorn da microonde devono il loro gusto al diacetile, un additivo che inalato a lungo provoca bronchiolite obliterante. Il sacchetto per la cottura contiene inoltre acido perfluorottonico. Un additivo collegato a tumori e anomalie della tiroide.

La farina raffinata per la pizza surgelata è privata del germe del grano e della crusca per farla durare più a lungo: è molto povera a livello nutritivo e ricchissima di zuccheri. Mangiare sovente questo tipo di prodotti fa aumentare la glicemia, incrementa l’insulina e fa mettere chili, esponendo l’organismo indebolito al rischio di tumori e problemi cardiaci.

cibo spazzatura
cibo spazzatura

Le patatine industriali sono fritte nell’olio di semi di mais, con un procedimento molto nocivo per il cuore. L’olio di mais aumenta il colesterolo nel sangue, con la conseguenza che arriva meno sangue agli organi vitali. Tradotto vuole dire alto rischio di ischemie e ictus cerebrali.

Le patatine surgelate contengono acrilamide, una sostanza tossica che provoca danni al sistema nervoso e che nel ‘94 è stata inserita tra le sostanze cancerogene  della Iarc. E le patatine in busta? Ancora più pericolose perché contengono molta più acrilamide.

Sui dati di 20 studi diversi, la Scuola di Sanità pubblica di Harvard ha scoperto che 50 grammi di insaccati al giorno aumentano del 42% il rischio di malattie cardiache e del 19% quello di diabete di tipo2. In particolare, fate attenzione a quelli che contengono conservanti di nitrato. Meglio carni bianche e non fritte e poco salate.

I wurstel di pollo sono ottenuti dalla macellazione delle carcasse e contengono nitrito di sodio, un composto chimico usato per sterilizzare i microrganismi dei cadaveri. Questa sostanza entra in conflitto con il nostro corpo, aumentando il rischio di cancro allo stomaco o al fegato.

Le bibite gassate contengono moltissimi zuccheri perché vengono fatte con sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, provocando così il rischio di problemi epatici paragonabili a quelli dell’alcol.

Le bevande light sono ancora peggiori perché contengono aspartame, un dolcificante artificiale che per gli studi della Fondazione europea di Oncologia del Marazzini di Bologna provoca un aumento di linfomi e leucemie maligne del rene  nei ratti, e probabilmente anche negli uomini.

Sta ora a voi scegliere come alimentarvi!

Guarda cosa Accadde Oggi:

[jwplayer player=”1″ mediaid=”12858″]