Chi è Vittorio Sgarbi

Personaggio complesso e poliedrico della televisione italiana

chiudi

Caricamento Player...

Critico d’arte, scrittore, opinionista, personaggio televisivo e addirittura ex parlamentare. Tutto questo è Vittorio Sgarbi, un uomo amato da alcuni e odiato da altri per il suo atteggiamento molto deciso. C’è chi lo considera troppo sgarbato (un cognome una garanzia!), chi invece ne apprezza la sfrontatezza. In ogni caso, Vittorio Sgarbi ha una carriera più lunga e illustre di quanto molti pensino. In TV e al di fuori, è un uomo di grande cultura: ecco in breve la sua biografia.

Carriera artistica di Vittorio Sgarbi

All’anagrafe è Vittorio Umberto Antonio Maria Sgarbi. Nato a Ro Ferrarese l’8 maggio 1952, Sgarbi è figlio di due farmacisti ed è laureato in filosofia con specializzazione in storia dell’arte. Ha insegnato Storia delle tecniche artistiche a Udine e si è sempre interessato all’arte come critico. Infatti, ha pubblicato vari saggi tra cui I capolavori della pittura antica, Carpaccio e La stanza dipinta. Negli anni 2000 è stato soprintendente del polo museale di Venezia e curatore dei padiglioni regionali dell’Esposizione internazionale d’arte di Venezia.

L’approdo in televisione

Vittorio Sgarbi è diventato famoso soprattutto grazie al Maurizio Costanzo Show, dove alternava rubriche artistiche a litigate con gli altri ospiti. Clamorosa la vicenda in cui ha offeso un’insegnante, autrice di una poesia da lui ritenuta orribile. Querelato e costretto a pagare una multa di 60 milioni di lire, Sgarbi ha però ottenuto la fama proprio grazie al suo temperamento. Negli anni 2000 ha di nuovo fatto parlare di sè durante La pupa e il secchione, per una lite con Alessandra Mussolini. A causa della quale è stato sostituito come giudice della trasmissione. Sgarbi infine è stato attivo anche in politica, come sindaco di Salemi dal dal 2008 al 2012. Ha anche fatto parte del Parlamento per il Partito Comunista e Socialista.

Fonte foto copertina: facebook.com/SgarbiVittorio/