Rocco Papaleo, tutto sull’attore e regista ospite a Che fuori tempo che fa

Protagonista di bellissime ed esilaranti pellicole, Rocco Papaleo è uno dei volti più presenti del cinema e dello spettacolo italiano. Scopriamo qualche piccola curiosità su di lui.

chiudi

Caricamento Player...

Rocco Papaleo è sicuramente uno dei volti più noti del cinema e dello spettacolo italiano attuali. Simpaticissimo e geniale nelle sue interpretazioni, Papaleo è originario della Lucania, dove è nato nel 1958. Sin da giovane, però, si è trasferito a Roma. Ha esordito nel mondo dello spettacolo a teatro nel 1985, salvo poi approdare in tv e al cinema, dove va segnalata la sua intensa collaborazione con Leonardo Pieraccioni nei film Il laureato, Il paradiso all’improvviso, Ti amo in tutte le lingue del mondo, Una moglie bellissima, Io & Marylin e Finalmente la felicità. Importante anche la sua interpretazione e regia nel film Basilicata coast to coast con Max Gazzè, Giovanna Mezzogiorno, Paolo Briguglia e Alessandro Gassman. L’attore sarà ospite il 21 maggio a Che fuori tempo che fa.

Rocco Papaleo, da matematico mancato al gran tifo per la Roma

  • Rocco ha cominciato, senza portare a termine, gli studi universitari in matematica a Roma.
  • Nel 2013 ha pubblicato il libro Una piccola impresa meridionale, da cui è stato tratto un film omonimo nel quale ha recitato.
  • Nel 2011 ha vinto il David di Donatello come miglior regista esordiente per Basilicata Coast to Cast.
  • Nel 2016 si è trasferito a Torino.
  • Papaleo è un gran tifoso della Roma.

Rocco Papaleo e la vita privata

Rocco è stato sposato con una scenografa svizzera italiana da cui è nato un figlio. Il matrimonio è però terminato qualche anno dopo, sebbene i due continuino a mantenere un ottimo rapporto, come dichiarato tempo fa a Vanity Fair: “Il fatto che il matrimonio sia fallito non significa che per me non fosse importante. Alla mia ex moglie sarò legato per sempre, anche come artista: è la scenografa dei miei flm. Porto ancora la fede, l’ho spostata a destra però”.