Storie di omicidi: chi è Michele Buoninconti, il marito di Elena Ceste

Storie di cronaca: chi è Michele Buoninconti, il vigile del fuoco condannato a 30 anni per l’omicidio della moglie Elena Ceste

chiudi

Caricamento Player...

Michele Buoninconti è il protagonista dei terribili fatti di cronaca di qualche anno fa. In molti ricorderanno il terribile omicidio di Elena Ceste, madre di quattro bimbi piccoli, di cui si perdono le tracce a Costigliole d’Asti.

La morte di Elena Ceste

  • Il 24 gennaio del 2014 Elena Ceste scompare nel nulla da Castigliole d’Asti. La donna ha 37 anni, un marito e quattro bimbi piccoli.
  • A poche ore dalla scomparsa il primo a ricercare la donna è il marito Michele Buoninconti di professione vigile del fuoco. L’uomo rilascia anche diverse interviste accusando un presunto corteggiatore della moglie che aveva cominciato a infastidirla.
  • Intanto il marito parlando della moglie Elena delinea il profilo di una donna psicologicamente in difficoltà e alla ricerca di attenzione da parte di altri uomini.
  • La svolta: arriva durante la trasmissione Pomeriggio Cinque.  Durante la diretta un uomo, un tale Armando Diaz, rilascia alcune indiscrezioni sulla vicenda parlando di possibili frequentazioni della donna. In realtà la conduttrice riconosce nella voce dell’uomo quella del marito Michele Buoninconti. Non fa in tempo a chiederlo all’interlocutore che, il presunto Armando, chiude la telefonata.
  • Il 18 ottobre 2014, a nove mesi dalla scomparsa, viene rinvenuto un cadavere in un canale. Le analisi del Dna confermano essere il corpo della povera Elena Ceste.
  • Alcuni mesi dopo: il 29 gennaio 2015 i Carabinieri arrestano Michele Buoninconti con l’accusa di omicidio volontario premeditato.

Le ultime notizie

Il delitto efferato di Elena Ceste si è concluso con la condanna definitiva a 30 anni per Michele Buoniconti. Il marito di Elena, nonostante la richiesta di assoluzione da parte delle difesa, è stato condannato anche in secondo grado a 30 anni con le accuse di omicidio volontario premeditato e occultamento di cadavere.

La sentenza definitiva è stata pronunciata dal giudice lo scorso 15 febbraio 2017. Presenti durante la lettura anche Lucia e Franco, i genitori di Elena Ceste a cui sono stati affidati anche i quattro figli.

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/quartogrado/