Maurizio Battista, sai quante volte è stato sposato il simpatico comico romano?

Sai per che squadra tifa e quante volte è stato sposato? Tutto su Maurizio Battista, il simpatico comico romano che vanta tante esperienze di successo…

chiudi

Caricamento Player...

Romano verace, Maurizio Battista è un apprezzato comico, attore e conduttore televisivo. Spesso usa la sua satira per prendere di mira i comportamenti delle donne negli aspetti della quotidianità, estremizzandoli. Sono famosi anche i suoi sketch in cui ironizza su bizzarri articoli di giornale o annunci, che sono stati realmente pubblicati. Ha cominciato a fare teatro dal 1978, ma ha esordito in televisione nel 1989 partecipando come comico e co-conduttore alla decima edizione di Fantastico affiancando Massimo Ranieri, Anna Oxa e Giancarlo Magalli. Dagli anni ’90 la sua carriera si divide fra teatro e programmi televisivi. Ancora oggi l’attività teatrale rappresenta buona parte della sua carriera e Battista dimostra, come sempre, la sua versatilità e tipica comicità romana.

Maurizio Battista, età, curiosità e passioni del comico romano

  • Ha lavorato sin da piccolo nel bar della sua famiglia, di origini ciociare.
  • Nel mese di settembre del 2014 ha condotto Striscia La Notizia per una settimana insieme a Leonardo Pieraccioni.
  • Nel 2010 ha partecipato a Ballando con le Stelle come concorrente.
  • Battista è appassionato di calcio ed è un tifoso DOC della Roma.
  • Il comico è nato nel 1957.

Maurizio Battista, figli, moglie e vita privata

Battista si è sposato e ha divorziato per ben due volte. Dal primo matrimonio ha avuto due figli: Federica, di 28 anni, che fa l’impiegata, e Simone di 32, che fa invece il poliziotto. Nel 2016, quando aveva 59 anni, ha avuto il suo terzo figlio: una femminuccia, Anna, nata dall’unione con Alessandra Moretti, estranea al mondo dello spettacolo. La bimba si chiama Anna, come la madre del comico, morta quando lui aveva 20 anni: “Il nome è di mia madre, morta a 40 anni. Io avevo 20 anni. Io vedevo mia madre vecchia a 40 anni, adesso ne ho quasi 60 ed ero io che sbagliavo, è morta troppo giovane. Quanto tempo ho buttato per non sta’ con mia madre, per andare con gli amici. Allora non c’era l’aperitime, ma il chinotto. Anche se non stavo a casa e quando non ci sono più i genitori ti rimane un malessere forte. Uno pensa sempre che i genitori non muoiono mai e quando non ce li hai più ti senti solo”.