Chi è Martina Levato, la donna condannata a 20 anni di carcere

Storie di cronaca: scopri chi è Martina Levato, la 23enne studentessa della Bocconi che ha aggredito l’ex fidanzato del liceo con l’acido.

chiudi

Caricamento Player...

Martina Levato è la protagonista dei terribili fatti di cronaca di due anni fa. Correva il dicembre 2014 quando la 23enne studentessa della Bocconi, con la complicità del fidanzato Alexander Boettcher, ha aggredito con l’acido l’ex fidanzatino del liceo.

Storia di cronaca nera: l’aggressione di Martina Levato in 5 tappe

  • La dinamica dell’aggressione: Martina attira in Via Carcano l’ex fidanzato Pietro Barbini con la scusa di avere un pacco da consegnargli.
  • L’incontro non è altro che una trappola: Barbini, l’ex studente del liceo Parini, viene aggredito con dell’acido in pieno viso lanciatogli da Martina e dal compagno Boettcher.
  • Martina e Barbini aveva ripreso a sentirsi tramite Whatsapp pochi giorni prima del tragico evento. A spingere il ragazzo, che vive a Boston, ad incontrare la ex sarebbe stato il rapporto allucinante tra Martina e il nuovo compagno.
  • La personalità di Martina Levato appare subito contraddittoria: la ragazza presenta una cicatrice a forma di A sul viso. Si tratta di un pegno d’amore fatto al nuovo compagno.
  • I precedenti: prima dell’aggressione con l’acido, la 23enne Bocconiana era stata già denunciata per tentate lesioni da parte di un altro uomo. Quella volta il tentativo era stato fatto con un coltello.

Le ultime notizie

Martina Levato è stata condannata a 20 anni di carcere. A pronunciare la condanna è stata la seconda corte d’Appello di Milano nei confronti della studentessa della Bocconi condannata per le aggressioni con l’acido e il tentativo di evirazione ai danni di Stefano Savi, Giuliano Carparelli e Pietro Barbini. In realtà gli anni sarebbero dovuti essere 30, ma con il processo abbreviato c’è stato uno sconto di un terzo della pena.

Ultime notizia cronaca: intanto la Corte d’Appello di Milano, sezione Minori e Famiglia, si è pronunciata circa l’adottabilità o meno del figlio di Martina Levato. La Corte d’Appello ha respinto il ricorso presentato dalla donna, ma anche quello presentato dall’ex amante Alexander Boettcher, anche lui condannato. Il Tribunale si è pronunciato a favore dell’adattabilità del figlio della Levato per garantirgli un futuro migliore e per tenerlo lontano da un contesto familiare difficile.

FONTE FOTO: https://twitter.com/Infofatti