4 curiosità su Luca Abete, l’inviato di Striscia La Notizia che ama mangiare ma non beve mai caffè…

Sai che non beve mai caffé? Tutto su Luca Abete, inviato di Striscia La Notizia specializzato principalmente in servizi riguardanti gli scandali legati alla Terra dei Fuochi.

chiudi

Caricamento Player...

Nato ad Avellino nel 1973, Luca Abete ha cominciato il suo percorso nel mondo dello spettacolo come clown e animatore. Il suo esordio in televisione è cominciato nel 2001 con un programma per bambini. Negli anni successivi ha condotto diverse trasmissioni sulle emittenti campane ed ha partecipato come provocatore ad alcuni programmi Rai, tra cui gli OscarTv 2006.
L’8 gennaio 2005 fa la sua prima apparizione a Striscia la Notizia. Con il suo servizio partecipa alla selezione per la ricerca di nuovi inviati e dopo aver vinto al televoto, e aver fatto alcuni anni da apprendista inviato, il 4 ottobre 2008, è comparso in scena per la prima volta a Striscia con il suo abito diventato iconico: giacca di velluto verde, camicia verde scuro,  pantaloni e scarpe marroni.

Luca Abete, le curiosità sull’inviato di Striscia grande appassionato di…

  • È un grande appassionato di pallacanestro, sport che segue praticamente da sempre.
  • Ama la natura e conduce uno stile di vita dinamico e salutare.
  • Luca apprezza la buona cucina e non beve caffè.
  • Tra i suoi interessi ci sono l’arte, la comunicazione in tutte le sue forme, la fotografia.
  • Luca Abete ha recitato in alcuni film. Ha interpretato la parte di un giornalista nella fiction tv Teresa Manganiello: sui passi dell’amore, nonché vestito i panni speaker radiofonico nel film-documentario Un viaggio elettorale di Francesco de Sanctis.
  • Il 9 marzo 2017 ha ricevuto dall’università di Parma il titolo di professore ad honorem in Linguaggio del giornalismo.

Luca Abete e l’impegno sociale

Nel 2010 ha realizzato uno spot come testimonial dell’AICAT, mentre nel 2011 ha partecipato al videoclip di Giancarlo Di Muoio Verso casa mia, dedicato al problema dell‘alcolismo giovanile. Nell’estate del 2011 ha contribuito alla campagna “Io sto con il sughero” con un videomessaggio su YouTube.com. Con il suo ritratto fotografico ha partecipato al progetto “Basta!” contro la violenza sulle donne promosso dall’associazione “Tamara Monti”. Dai suoi servizi relativi ai minori senza casco sugli scooter per Striscia la notizia, è nato un fumetto educativo in collaborazione con l’UNICEF, Striscia la notizia e il MIUR, dal titolo “Se casco senza casco sono caschi miei.