Sai perché si chiama così? 7 cose da sapere su Jake La Furia, alla guida del Carpool Karaoke

Tutte le curiosità su Jake La Furia, alla guida della versione italiana del Carpool Karaoke…

chiudi

Caricamento Player...

Nato a Milano nel 1979, Jake La Furia è un rapper e produttore discografico italiano facente parte del Club Dogo. Figlio di Giampietro, noto pubblicitario, ha cominciato a cantare nel 1993. Successivamente insieme a Guè Pequeno e Dargen D’Amico, ha formato il gruppo Sacre Scuole, che si è poi sciolto a causa di divergenze con D’Amico nel 2001. Sempre nello stesso anno con Guè e Don Joe, ha fondato i Club Dogo, abbandonando il nick Fame e facendosi chiamare Jake La Furia.

Nel 2013, Francesco ha deciso di debuttare come solista grazie a Musica Commerciale, che lo porta a firmare per un nuovo progetto, Fuori da qui. Il lavoro è stato impreziosito importanti collaborazioni: Luca Carboni, Emis Killa, Fabri Fibra. Nel 2017 conduce il Carpool Karaoke. 

Jake La Furia, figlio di… sai perché si fa chiamare così?

  • Jake è figlio di Giampietro Vigorelli, noto direttore artistico pubblicitario dell’agenzia D’Adda Lorenzini Vigorelli BBDO.
  • Francesco Vigorelli è il suo vero nome.
  • Il 22 giugno 2010 ha pubblicato il libro La legge del cane, scritto a quattro mani con Gué Pequeno.
  • Il rapper alto 1,68 m e pesa quasi 100 chili.
  • Ha partecipato a due film: Mucchio selvaggio, per la regia di Matteo Swaitz (2007) e I 2 soliti idioti, per la regia di Enrico Lando (2012).
  • Usa lo pseudonimo Jake La Furia, in tributo al personaggio Jake the Muss (Jake “La Furia”) del film Once Were Warriors – Una volta erano guerrieri.
  • Jake si è sposato il 21 maggio 2017 con la sua fidanzata storica.

Jake La Furia, Me Gusta e non so dire no, gli ultimi singoli da solista

La Furia ha spiegato la sua decisione di intraprendere una carriera da solista: “La carriera da solista sta coincidendo con una mia maturazione. So che non potrò fare questo per sempre, perché la mia scrittura riflette la vita, non sono le stesse cose di vent’anni fa. Allora era una musica devastante, violenta, forse stupida, che col tempo si è trasformata“. 

FONTE FOTO: facebook.com/jakelafuria