Anche Steve Jobs aveva uno stilista preferito: chi è Issey Miyake

La tecnologia al servizio della moda, il mantra di Issey Miyake…

chiudi

Caricamento Player...

Nato a Hiroshima e sopravvissuto al famoso bombardamento, Issey Miyake è considerato una leggenda della moda giapponese e internazionale. Questo perché non si limita a disegnare, ma porta avanti la tecnologia che permette la realizzazione dei suoi stessi modelli.

Storia degli abiti Issey Miyake: uno sguardo al passato

Nato il 22 aprile 1938, Miyake studia graphic design e va subito a lavorare a Parigi e New York. Tornato in Giappone si trasferisce a Tokyo, dove fonda la sua maison. Negli anni Ottanta inizia a sperimentare inventando un nuovo metodo di piegatura, che consiste nell’introdurre strati di stoffa e carta in una pressa a caldo.

La ricerca dell’innovazione è così importante che per alcuni anni lo stilista affida le collezioni al collega Naoki Takizawa, per concentrarsi sui suoi esperimenti.

Issey Miyake
Fonte foto: https://www.instagram.com/takahiro248/

L’amicizia con Steve Jobs

Pochi sanno che il famoso maglione nero a collo alto di Steve Jobs è opera di uno stilista ben preciso. E si tratta proprio di Issey Miyake, al quale l’amico imprenditore, presidente e co-fondatore della Apple aveva chiesto di disegnare un dolcevita. Lo stilista, in tutta risposta, gliene ha realizzati centinaia.

Il famoso profumo di Issey Miyake e gli altri suoi accessori

Il prodotto per il quale il designer è maggiormente conosciuto è l’eau de toilette Issey Miyake chiamata L’Eau d’Issey, affiancata da L’Eau Majeure d’Issey e Nuit d’Issey.

Ma non passano inosservate neanche le borse Issey Miyake, famose per la loro struttura a prisma in versione opaca o rifrangente.

La geometria, comunque, non è l’unica fonte d’ispirazione dello stilista: la collezione autunno-inverno 2017, per esempio, era ispirata agli uccelli, nei loro colori e nelle loro fattezze. Ricordiamo capi dalle maniche larghe come ali e inserti patchwork variegati come le piume di un volatile.

Fonte foto: https://www.instagram.com/takahiro248/