Carlo Calenda: il ministro italiano dal passato…inaspettato!

Sulla carriera politica del ministro Carlo Calenda si sa praticamente tutto; ma sapevi che da bambino ha recitato nello sceneggiato Cuore? Ecco alcune curiosità sulla sua vita…

Carlo Calenda è nato a Roma il 9 Aprile del 1973. È stato, durante il Governo Letta, Renzi e Gentiloni, Viceministro e Ministro dello Sviluppo Economico e, nel Parlamento europeo, è Rappresentante Permanente d’Italia; nel 2018 annuncia la sua adesione al Partito Democratico.

Nel suo passato, prima di far politica, dopo la laurea in Giurisprudenza, è stato responsabile marketing di prodotto e programmazione per Sky Italia, responsabile della gestione delle relazioni con i clienti e con le istituzioni finanziarie per Ferrari e direttore dell’ufficio internazionale di Confindustria. Poi, dal vertice di aziende private, è passato a quello del governo della Repubblica.

Lo hanno definito in molti modi: “il politico che usa meglio i social” (Rolling Stone), “lo Steve Jobs dei Parioli diventato sherpa” (Lettera 43), un attore bambino, “il nuovo eroe della politica italiana” (Forbes), un uomo di grande carisma e un maniaco dei dettagli sul lavoro. Scopriamo chi è davvero!

CARLO CALENDA
CARLO CALENDA

Carlo Calenda: famiglia e vita privata

È figlio d’arte e la sua famiglia è composta da volti più o meno noti dello spettacolo: sua madre è la regista Cristina Comencini (suo nonno è quindi il maestro della commedia all’italiana Luigi) suo padre, invece, è lo scrittore ed economista Fabio Calenda. Ha una sorella, Giulia, sceneggiatrice di numerose produzioni italiane. La mamma, che oggi conosciamo più per il suo operato in campo artistico, è stata anche un’economista a sua volta.

Carlo, sin da piccolo, quindi, ha sempre sentito parlare di numeri e finanza: “Quando venivano in casa i miei amici a studiare economia, Carlo era nel box. Insomma, ha respirato numeri sin da piccolo. (…) Poi lui fa il suo lavoro con una passione che gli invidio“, raccontò la Comencini al Corriere della Sera.

I genitori lo concepiscono quando sono molto giovani, ma il piccolo Carlo viene tirato su dalla madre e dal successivo compagno, il produttore Riccardo Tozzi (Romanzo criminale, Suburra). Cresciuto nel quartiere Parioli della Capitale, ha frequentato il liceo statale Terenzio Mamiani. È stato un ragazzino precoce: non aveva ancora compiuto 18 anni che era già scappato di casa, era entrato nei giovani comunisti, era rimasto bocciato, aveva avuto una figlia, e aveva lasciato la politica giovanile.

All’età di 10 anni ha tentato anche la strada della recitazione. Abbiamo infatti visto un giovanissimo Carlo Calenda in Cuore, la fortunata fiction del 1984, diretta dal nonno Luigi Comencini: ha avuto il ruolo dello studente Enrico Bottini.

Carlo Calenda: moglie, figli e social

Non si conosce il nome della moglie del ministro, ma si sa che Carlo Calenda è sposato e ha ben 4 figli. A sua volta, ha avuto il suo primo figlio da giovanissimo: a soli 16 anni.

Sui social, non si risparmia frecciatine e sarcasmo: “Ora vado a fare la spesa con mia moglie così, quando Salvini mi chiederà il prezzo del latte, saprò cosa rispondere“, scriveva nel febbraio 2018 su Twitter. Molto attivo online, si erge a paladino della verità, contro hater e fake news per “contrastare la marea di fesserie che vengono dette“.

4 curiosità su Carlo Calenda: lo sapevi che…

– È consapevole della sue mancanze e di sè dice: “Nessuno può avermi visto fare sport negli ultimi cinque anni”.

– Non è solo figlio d’arte: Calenda viene da una stirpe nobiliare. Sua nonna era la principessa Giulia Grifeo di Partanna, appartenente al ramo napoletano di una famiglia originaria della Sicilia.

– Si dice sia amico di Lapo Elkann.

– Ha una cicatrice in faccia, che gli è stata inferta dal rampollo romano Moroello Diaz della Vittoria Pallavicini durante una rissa, ad un ballo: “Vedete questa cicatrice che ho sulla faccia? Me l’ha fatta Moroello vent’anni fa“, ammise lui stesso durante un raduno dell’Adsi, l’associazione dimore storiche italiane.

ultimo aggiornamento: 08-03-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X