Cena romantica? Occhio ai cibi nemici della passione

Se alcuni tipi di cibi favoriscono non poco l’attività amorosa, ce ne sono altri che possono limitare la libido: si tratta dei cibi nemici della passione

chiudi

Caricamento Player...

La logica è stringente: se determinati cibi fanno bene alla nostra sensualità, aiutano l’amore e sono particolarmente indicati prima di una seratina bollente, ce ne devono essere altri che scatenano gli effetti opposti. Proprio così. Se gli afrodisiaci naturali, cozze e peperoncino in primis,  favoriscono e stimolano l’attività sessuale, ci sono altri alimenti che in qualche misura possono  limitarla: sono i cibi nemici della passione.

Prima di invitare ad annotare su un blocchetto quali pietanze evitare e quali ricette scartare in previsione di una cenetta romantica col proprio fidanzato, vanno aggiunte due parole. Oltre alla conoscenza di  quali sono i cibi nemici della passione, è opportuno chiarire in quale quantità possono arrecare danno o frenare gli impulsi erotici. Assunto in piccole dosi, nessun alimento e nessuna bevanda fa male. L’importante è non esagerare, non solo in tema di afrodisiaci.

La prima, vera regola aurea da conoscere in fatto di cibi che scoraggiano il sesso è che vanno evitati, di norma, pasti eccessivamente pesante. Le  portate numerose sono le prime nemiche delle lenzuola e il perché è presto spiegato: se il corpo deve essere impegnato in una lunga e laboriosa digestione, non avrà troppe  risorse da destinare ad altri scopi. Ciò è vero per lui, ma  è vero anche per lei.

Quanto ai cibi nemici della passione, tra i più nefasti ci sono le fritture: pesanti, caloriche, spesso difficili da digerire, rappresentano un vero e proprio killer per la libido. Da evitare alla stessa maniera indistintamente grassi saturi ed insaturi: banditi categoricamente piatti pesanti, noccioline, patatine fritte, hot dog, panini particolarmente farciti, insomma tutto ciò che appesantisce in pochi bocconi.

Un altro nemico dichiarato dell’amore è il tofu,  il caglio di semi di soia tanto diffuso in Oriente: fa impennare il livello degli estrogeni e, conseguentemente,  fa diminuire il desiderio sessuale. Meglio stare alla larga dal ristorante cinese, insomma, prima di una notte di passione. E meglio non esagerare neppure col vino. Un bicchierino durante il pasto va più che bene, ma già quando si passa a due, si inizia a perdere sensibilità e gli stimoli, la carica e le sollecitazioni di natura sessuale ne possono risentire.