Carolyn Smith parla delle sue attuali condizioni di salute

Carolyn Smith, coreografa di Ballando con le Stelle, ha parlato a Vanity Fair delle sue attuali condizioni di salute e di come ha affrontato la malattia.

chiudi

Caricamento Player...

Carolyn Smith, coreografa di Ballando con le Stelle, si è raccontata a Vanity Fair, parlando di quelle che sono le sue attuali condizioni di salute e di come ha affrontato la sua malattia. Non è mancato anche un accenno a Eleonora Brigliadori, che propone un approccio spirituale per guarire dalla malattia.

Carolyn Smith: “Non piangetevi addosso!”

Carolyn Smith
FONTE FOTO: facebook.com/CarolynSmithFanpage

Carolyn Smith ha raccontato della sua malattia, invitando tutte le donne a non piangersi addosso: “Il tumore non ce l’ho più ma non posso dire “sono guarita”: il pericolo di una recidiva c’è sempre, ogni tre mesi devo fare un controllo. Per questo mi sono molto arrabbiata quando un giornale ha scritto: ‘Carolyn Smith è guarita dal cancro‘. Non è un messaggio corretto da dare”.

Ovviamente anche per la coreografa non sono mancati i momenti di sconforto: “Ovvio, non faccio mica il supereroe. Dopo la mastectomia, a maggio, ho sofferto moltissimo per i punti – più di cinquanta! – e ho dovuto rimanere a lungo a letto. Un inferno. Tornata a casa non potevo muovermi, mio marito provava ad aiutarmi ma lui da solo in casa non sa fare niente. Ogni due secondi chiedeva “Amore dov’è quello, amore come si accende la lavatrice?”.Dopo un giorno ho mandato un sms al dottore: “Posso tornare in ospedale?”. Come è stato vedersi senza un seno? Uno schifo. E pensare che io stessa prima dicevo ai medici “togliete tutto ciò che c’è da togliere, tanto non mi serve”. Per fortuna non mi hanno ascoltata”.

A proposito di Eleonora Brigliadori, l’attrice che invita le donne a curarsi dal cancro con un approccio spirituale, Smith ha rivelato: “Io sulla bacheca Facebook di Eleonora Brigliadori ho scritto: ‘Sei un’idiota!’. Certa gente andrebbe ignorata, invece continuano a farla parlare nelle trasmissioni: come mai?”.