Carolina Crescentini: le 5 curiosità sulla protagonista de I bastardi di Pizzofalcone

La 36enne Carolina Crescentini è una delle attrici italiane protagoniste della nuova serie dal titolo I bastardi di Pizzofalcone .

chiudi

Caricamento Player...

L’attrice Carolina Crescentini è nata il 18 aprile 1980 a Roma: dopo essersi diplomata al Centro sperimentale di cinematografia della Capitale ha iniziato il suo percorso nel mondo del cinema e della tv: da Carabinieri – Sotto copertura, a Notte prima degli esami – Oggi fino ad arrivare alla fiction Rai I bastardi di Pizzofalcone, la serie tratta dai racconti di Maurizio de Giovanni, dove interpreta il ruolo del pubblico ministero Laura Piras. Laura è una donna ”onesta, tutta di un pezzo, anche se in Lojacono riconosce subito l’intuito”. I Bastardi di Pizzofalcone ha un cast davvero notevole infatti Lojacono è interpretato da Alessandro Gassmann. 

GRAZIE. #ibastardidipizzofalcone #rai1

Una foto pubblicata da Carolina Crescentini (@carolcrasher) in data:

Le 5 cose che non sai su Carolina Crescentini

1. E’ stata fidanzata per alcuni anni con con Marco Salomon, regista di videoclip. Oggi Carolina Crescentini ha un fidanzato che è il musicista californiano Dave Peter Mellish.

Missing you. @davemellish

Una foto pubblicata da Carolina Crescentini (@carolcrasher) in data:

2. Il suo uomo ideale“Più grandi, il che significa in genere meno turbe psichiche e qualcosa da insegnare. Quelli che amano le cose semplici. Alla bellezza ci si abitua, l’intelligenza dura. Quindi testa valida e ossa sporgenti. Il mio unico feticismo estetico? La clavicola che si vede nel triangolo della camicia aperta”.

3. Che cos’è l’amore per Carolina Crescentini? “Io porto quello che ho imparato fino ad adesso, tu anche, e vediamo se riusciamo a imparare cose nuove insieme”.

4. Vuole diventare madre“Non ho ansie over 30. Un bambino non lo si può pianificare. Magari quella notte ci guarderemo negli occhi e succederà”.

5. Carolina Crescentini oltre alla grande passione per la recitazione ha anche quella per le cause umanitarie.