Ufficializzate le nomination per i prossimi British Fashion Awards, gli Oscar della moda nel Regno Unito: bocciati gli stilisti italiani e Suki Waterhouse

Scatta il conto alla rovescia verso i  British Fashion Awards. Il prossimo primo di dicembre il London Coliseum di Londra sarà  teatro dell’assegnazione dei più alti riconoscimenti della moda nel Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord.

Il British Fashion Council, una sorta di Camera della Moda britannica, annualmente attribuisce premi agli stilisti di moda donna, moda uomo e accessori ritenuti i più meritevoli nell’intero anno in corso, oltre ovviamente alle modelle più rappresentative, alle campagne pubblicitarie più efficaci e a tutto ciò che abbia a che fare con passerelle, collezioni, accessori e mondo del fashion. Unica condizione: le valutazioni vanno fatte solo ed esclusivamente per quel che è accaduto entro i confini del Regno Unito.

Ufficializzate le nomination, per il momento, con poche sorprese: due nomine a testa per JW Anderson e Alexander McQueen, guidato in realtà da Sarah Burton. Poi ci sono Stella McCartney, Christopher Bailey di Burberry, Victoria Beckham, Christopher Kane e Tom Ford.

Tra le modelle, quasi obbligata la presenza tra le possibili premiate di Cara Delevingne, sempre più in ascesa anche come designer, oltre che di Jourdan Dunn e Sam Rollinson. Unica vera sorpresa, l’incredibile e clamorosa esclusione dalle nomination di Suki Waterhouse,  altra modella in vertiginosa ascesa.

Alla  corsa per i British Fashion Awards come migliori creatrici di accessori concorreranno Charlotte Olympia e Anya Hindmarch, mentre la lotta per il titolo di miglior designer internazionale sarà riservata a stilisti nati o che lavorano in Francia, vale a dire Hedi Slimane per Saint Laurent, Nicolas Ghesquière per Louis Vuitton e Raf Simons per Dior.

Un’assenza pesante quella degli stilisti e dei brand italiani dalla fase finale dei British Fashion Awards, ma che non stupisce più di tanto: da tempo i brand degli altri paesi europei sembrano aver fatto blocco contro le nostre griffe, a tutto vantaggio di marchi che provengono da una precisa area geografica.

Eppure l’anno scorso almeno una nomination riuscì ad ottenerla, quella di Miuccia Prada: stavolta zero assoluto, eppure non sembra che  la creatività italiana, la capacità di interpretare la moda in maniera originale e particolare sia seconda ad alcuno.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 23-10-2014


Adidas Originals e Mary Katrantzou uniscono le forze

Maurizio Gasparri insulta una fan di Fedez su Twitter: “Mettiti a dieta!”