Brad Pitt torna a parlare dei figli dopo il divorzio da Angelina Jolie

Brad Pitt è tornato a parlare dei suoi figli dopo aver ammesso di essere stato dipendente dall’alcool. La priorità ora è stare accanto ai bambini.

chiudi

Caricamento Player...

Brad Pitt è tornato a parlare dei suoi figli dopo aver ammesso di essere stato per un periodo dipendente dall’alcool. La star di Hollywood, ex marito della bellissima Angelina Jolie a cui sono stati affidati i 6 figli (tra adottivi e naturali) della coppia, ha dichiarato che la sua sola priorità in questo momento rimangono i bambini. Lo scopo è quello di ricercare un equilibrio che consenta ai figli di crescere al meglio, sebbene lui non faccia più parte della famiglia in senso tradizionale.

Brad Pitt: “Provo a tenere la barca a galla”

Brad Pitt
Brad Pitt. Fonte foto: pinterest.com/zowina/

Pitt ha le idee chiare sul da farsi: “Trascorro il mio tempo cercando di tenere la barca a galla e provando a capire quale sia la nuova configurazione della nostra famiglia. I bambini rappresentano tutto, sono la tua vita. E l’attenzione è sempre stata concentrata su di loro”.

Tra l’altro, il parlare dei suoi problemi legati all’alcolismo sembrerebbe avergli fatto bene: “Non ho segreti. Non ho niente da nascondere. Siamo umani e trovo molto interessante la condizione umana. Se non parliamo, allora non miglioriamo”.

Quella con Angelina Jolie è stata sicuramente la storia più importante della vita per Brad Pitt, che però non esclude la possibilità di potersi innamorare di nuovo: “C’è ancora tanta bellezza nel mondo e un sacco di amore, amore da offrire. Va tutto bene. È solo la vita”.

In una recente intervista, invece, Pitt aveva dichiarato: “Mi sono sentito incatenato al sistema quando i Servizi per i Minori mi hanno chiamato… Ma com’è noto, dopo tutto ciò, siamo stati in grado di lavorare insieme per venirne fuori. Entrambi facciamo del nostro meglio. Ho sentito dire a un avvocato:” Nessuno vince in tribunale, è solo una questione di chi viene ferito di più”. E sembra essere vero: trascorri magari un anno concentrandoti sul costruire un caso per difendere il tuo punto di vista,  perché tu hai ragione e il resto è sbagliato, ma è solo un modo per alimentare l’odio”.