Bob Geldof non si dà pace per la morte della figlia Peaches

Bob Geldof, intervistato dalla tv britannica ITV è tornato a parlare dopo la scomparsa della figlia, per la quale si sente (ingiustamente) colpevole.

chiudi

Caricamento Player...

Bob Geldof, uno dei più stimati cantautori irlandesi non soltanto per la bellezza delle sue canzoni ma anche per il suo eccezionale impegno nel sociale, ha dovuto affrontare quella che per un padre è senza ombra di dubbio la prova più difficile: la morte di sua figlia Peaches, scomparsa recentemente.

Leggi anche: Tragedia per Bob Geldof: è morta sua Figlia Peaches

Dopo un periodo di silenzio Bob Geldof è tornato a parlare con i giornalisti, intervistato dalla televisione britannica ITV, alla quale ha confessato di sentirsi (ingiustamente, bisogna dirlo), responsabile della cosa:

“Ti prendi la colpa. Sei il padre, quindi sei responsabile. Chiaramente, ti senti di aver fallito. Per qualsiasi genitore all’ascolto con un figlio morto…continui a pensarci, ancora, ancora e ancora, a tornare indietro. Ci ripensi. Cosa avresti potuto fare? Fai quanto puoi. Peaches sapeva come doveva essere vissuta la vita e, Dio la benedica, ci ha provato a lungo ad arrivarci. Ma non ce l’ha fatta”.

Per Bob Geldof l’unica cosa che gli lenisce il dolore sembra essere come sempre la musica, vera e propria medicina contro i cattivi pensieri:

“Riesco ad essere un altro. È letteralmente catartico. Due ore di concerto e sono sfinito. Ti svuota, in tutti i sensi. Sul palco mi perdo ed è un breve momento di tregua”.