Bimbi nati in estate a rischio celiachia

Uno studio italiano ha riscontrato il maggior rischio per i nati in estate di sviluppare la celiachia. Colpa del glutine introdotto nell’alimentazione nel periodo di maggior diffusione di Rotavirus.

chiudi

Caricamento Player...

Pericolo celiachia per i bambini nati in estate. Il momento in cui il glutine entra a far parte della loro alimentazione, infatti, coincide con il periodo dell’anno in cui si registra una maggior diffusione del Rotavirus.

Quest’ultimo è il responsabile più comune delle gastroenteriti ed è collegato al rischio di sviluppare l’ intolleranza alla proteina contenuta in grano, orzo, segale e avena. Intolleranza che riguarda circa l’1% dei bimbi italiani.

Questo è l’allarme che emerge da uno studio coordinato dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e condotto insieme all’Università di Bari. La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica European Journal of Pediatrics,  ha analizzato il periodo dell’anno in cui sono nati i bambini, tra il 2003 e il 2010, che poi hanno sviluppato la celiachia, malattia auto-immune dell’intestino tenue che può portare diarrea cronica e ritardo della crescita.

Ebbene, il risultato è una prevalenza del numero delle nascite di pazienti celiaci tra luglio e agosto (28,2%) rispetto al gruppo di riferimento (23%).

“Il possibile link tra stagione di nascita e sviluppo della malattia – dichiara Antonella Diamanti, gastroenterologa e responsabile della Nutrizione Artificiale del Bambino Gesù – potrebbe essere rappresentato dalla concomitanza tra la prima introduzione del glutine (consigliata dai pediatri in genere a 6 mesi, cioé tra novembre e gennaio nei nati in estate) con il periodo di maggiore esposizione ad infezioni gastrointestinali acute da Rotavirus. Quest’ultimo, infatti, si manifesta con più frequenza tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, e alcuni studi epidemiologici hanno evidenziato che un alto tasso di infezioni da Rotavirus può incrementare il rischio di sviluppare la celiachia in soggetti geneticamente predisposti”.