Gravi affermazioni di Bertelli, Ceo di Prada, in merito al servizio dei piumini su Report

Dichiarazioni gravissime di Bertelli, Ceo di Prada: Il Codacons afferma che un mancato controllo dimostra mancanza di rispetto verso clienti.

chiudi

Caricamento Player...

Le dichiarazioni di Patrizio Bertelli, Ceo di Prada, in merito al servizio di Report su giacche e piumini, sono gravissime e dimostrano mancanza di rispetto verso i consumatori e verso i propri clienti.

Lo afferma oggi il Codacons, che critica l’affermazione di Prada secondo cui:

“È naturale che in un mondo globalizzato una impresa cerchi risorse produttive con costi più contenuti, per esempio in Ucraina o in Slovenia. Questo non vuol dire che noi dobbiamo fare i carabinieri sui produttori ai quali ci affidiamo”.

Un’azienda che sostiene di non ritenere necessario effettuare controlli sui produttori cui si affida, pur vendendo i propri prodotti come il top dell’eccellenza, è un’azienda che non rispetta i clienti e i consumatori – spiega il Codacons – Affermazioni ancor più gravi se si considerano i listini non certo alla portata di tutti praticati da Prada, e i ricarichi sui prezzi di vendita rispetto ai costi di produzione.

Riteniamo indispensabile una indagine da parte del Ministero dello sviluppo economico volta a chiarire quali controlli le aziende della moda italiane eseguano sui soggetti che realizzano i loro capi di abbigliamento – prosegue l’associazione – e non escludiamo la possibilità di un boicottaggio di quei marchi non in grado di fornire adeguate garanzie ai consumatori.