L’attore Ben Stiller a Roma per le riprese del film Zoolander 2

Ben Stiller, già protagonista di “Una notte al museo”, ha realizzato alcune riprese della stazione Tiburtina per il lungometraggio intitolato ‘Zoolander 2’, prodotto da Paramount.

chiudi

Caricamento Player...

Ambientato dieci anni dopo Zoolander, il film racconta di come Derek Zoolander, interpretato proprio da Ben Stiller, sta affrontando il fatto che non è più un modello, trascorrendo i suoi giorni gestendo una scuola per modelli e prendendosi cura del figlio di 10/11 anni.

La protagonista femminile del film dovrebbe essere la bellissima e bravissima Penelope Cruz e tra gli altri attori ecco sbucati i nomi di Will Ferrell e Owen Wilson, rispettivamente nei panni di Mugatu e Hansel McDonald.

Ben Stiller esordisce a soli dieci anni nella serie tv Kate McShane, poi decide di studiare all’UCLA, la celebre università di cinema di Los Angeles. Per lungo tempo fidanzato con l’attrice Jeanne Tripplehorn, dato l’ambiente dal quale proviene, cresce e diventa amico di attori come Owen Wilson, Jack Black, Kyle Gass e Janeane Garofalo, senza dimenticare Vince Vaughn con il quale formerà, a partire dal 2004, quella che i media chiamano la “Frat Pack”, una fratellanza di attori di cui fanno parte anche Will Ferrell, Steve Carell e Luke Wilson, e che si dedicherà al cinema comico statunitense.

Il suo debutto sul grande schermo avviene con la pellicola di Steven Lisberger Su e giù per i Carabi (1987), dove recita accanto a suo padre. Il finire degli anni ottanta sono un periodo fortunato per questo giovane attore che, in brevissimo tempo appare ne L’impero del sole di Spielberg, alla televisione con la commedia The House of the Blue Leaves e diventa una star di primo piano dell’immancabile Saturday Night Live (lo show comico più celebre degli Usa dal quale sono stati sfornati i comici cinematografici americani dal 1970 a oggi). Idolo dei teenagers statunitesi arriva ad avere uno show tutto suo su Mtv: The Ben Stiller Show (1990).

Nella sua filmografia di debutto sono da segnalare: Pazzie di gioventù (1988) di David Anspaugh, con Molly Ringwald e Viggo Mortensen; Vendetta trasversale (1989) di John Irvin, poliziesco ambientato a Chicago con Patrick Swayze, Liam Neeson, Helen Hunt e Adam Baldwin; Stella (1990) di John Erman, remake con Bette Midler del melodramma Amore sublime di Vidor; e infine il film di fantasia Autostrada per l’inferno (1992) di Ate de Jong. Comincerà a muovere anche i primi passi come regista dirigendo il corto Elvis Stories (1989), passando al lungometraggio solo nel 1993 con la commedia generazionale Giovani, carini e disoccupati (1993) con Winona Ryder e Ethan Hawke, cui seguirà la più nera Il rompiscatole (1996), il fantomatico Zoolander (2001).

Diventato un volto della commedia brillante, Stiller appare in Amori e disastri (1996), anche se il suo vero vertiginoso successo arriva con Tutti pazzi per Mary (1998) dei fratelli Farrelly, pellicola campione d’incassi in tutto il mondo e che è entrata di diritto nella storia del cinema come una delle opere più spassose e politicamente incorrette della settima arte. Supereroe e supermezzatacca nel demenziale Mystery Men (1999), viene diretto da Edward Norton nella commedia Tentazioni d’amore (2000), nella parte di un rabbino.
Sposato all’attrice Christine Taylor, ha da questa due figli: Ella Olivia e Quinlin Dempsey. È decisamente il suo periodo d’oro, soprattutto grazie all’umoristico testa a testa con Robert De Niro che investe le pellicole: Ti presento i miei (2000) e Mi presenti i tuoi? (2004), entrambe di Jay Roach. Per non parlare dell’assoluta anormalità de I Tenenbaum (2001) di Wes Anderson. Volto plastico non poteva non essere scelto da Danny DeVito per affiancare Drew Barrymore in Duplex – Un appartamento per tre (2003) e Rachel Weisz ne L’invidia del mio migliore amico (2004). Migliore amico di Owen Wilson, sottolineano la loro amicizia persino sul set di Starsky & Hutch (2004). Poi, voce di Alex in Madagascar, fu considerato per il ruolo di Willy Wonka nel remake di Tim Burton.

Gli ultimi anni sono per Stiller pieni di impegni e di successi. Nel 2006 è protagonista di Una notte al museo di Shawn Levy (seguito poi da un sequel, Una notte al museo 2 – La fuga, 2009, diretto dallo stesso regista) mentre l’anno successivo veste i panni de Lo spaccacuori (2007). Tra il 2008 e il 2010 lo troviamo in altre tre commedie brillanti: Tropic Thunder (di cui è anche regista), lo sfortunato Un microfono per due di Todd Louiso e Lo stravagante mondo di Greenberg. Sempre nel 2010 è protagonista del terzo capitolo della saga dei Fotter: Vi presento i nostri. L’anno successivo interpreta, invece, il capo di una banda di rapinatori disorganizzati nella commedia Tower Heist – Colpo ad alto livello.
Stiller ha in cantiere numerosissimi progetti, a partire da The Hardy Men, ancora una volta diretto dal fedele Shawn Levy, mentre nel 2012 torna a far coppia con Vince Vaughn in Vicini del terzo tipo di Akiva Schaffer. Tonerà dietro (e davanti) alla macchina da presa per il film I sogni segreti di Walter Mitty, storia di un moderno sognatore che compie favolosi ed eroici viaggi mentali lontano dalla sua noiosa esistenza.