Da un post scritto su Facebook, il regista Massimiliano Bruno ha avuto l’idea per il suo Beata ignoranza: la trama, il cast e le curiosità sul film.

Facebook e gli altri social network sono luoghi virtuali dove, solitamente, gli utenti possono, tra le varie cose, anche commentare i film visti. Può capitare però che succeda il processo inverso, che dal post si passi alla realizzazione del film: è quanto accaduto con Beata ignoranza, commedia del 2017 diretta da Massimiliano Bruno. Al regista l’idea di realizzare questa pellicola è venuta grazie a un post che aveva condiviso su Facebook qualche anno prima, nel 2013, nel quale si lamentava che a causa dei social network perdeva troppo tempo in casa e usciva meno di quanto avrebbe voluto.

Beata ignoranza: la trama del film

I protagonisti di Beata ignoranza sono Ernesto e Filippo, due professori molto diversi tra di loro: i due da giovani erano grandi amici, poi un diverbio li ha allontanati fino a quando non si ritrovano a insegnare nello stesso liceo.

Alessandro Gassmann e Marco Giallini

Filippo è un professore di matematica, molto attivo sui social e che ha creato un’app capace di risolvere immediatamente qualsiasi calcolo. Ernesto è invece un insegnante di italiano, che ha come telefono cellulare un vecchio Nokia e ha un rapporto molto complesso con i computer e la tecnologia.

Beata ignoranza: il cast del film

A interpretare i due protagonisti, Ernesto e Filippo, sono rispettivamente Marco Giallini e Alessandro Gassmann. I due attori hanno confessato che i loro personaggi li rispecchiano abbastanza per quanto riguarda l’uso dei social network: Marco Giallini non è avvezzo al loro utilizzo, al contrario Alessandro Gassman dedica diverso tempo ai propri profili social.

Nel cast di Beata ignoranza troviamo poi anche Valerio Bilello, Carolina Crescetini, Teresa Romagnoli, Giuseppe Ragone, Malvina Ruggiano, Emanuela Fanelli, Luca Angeletti, Pietro De Silva, Guglielmo Poggi e Luciano Scarpa.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
beata ignoranza

ultimo aggiornamento: 18-09-2020


L’immunologa Viola: “Sanificare quaderni e penne? Non serve, bisogna lavare le mani”

I love Beirut: il 19 settembre il concerto benefico di Mika per il suo Libano