Barbara D’Urso: “Quando non avrò più nulla, starò lontana dalle telecamere”

Inarrestabile Barbara D’Urso ha creato un suo network TV digitale e dichiara che a fine carriera starà alla larga dalle telecamere

chiudi

Caricamento Player...

La conduttrice più amata e chicchierata della Tv italiana, Barbara D’Urso, è nota per essere una tuttofare. Il suo nuovo progetto? Un network tv digitale, una piattaforma di intrattenimento.

Leggi anche: La bufala del coma etilico di Barbara D’Urso

Barbara D’Urso racconta i suoi progetti al settimanale Chi, che le dedica una lunga intervista:

“In quest’ultimo anno ho studiato il linguaggio multimediale, ho progetti e idee che mi piacerebbe sviluppare: insomma, sono consapevole che presto internet potrà prendere il sopravvento su tutto e sono pronta. Partendo dal mondo dei giovani che oggi vivono sul web, si raccontano attraverso i social, leggono e studiano sui tablet, mi sto muovendo per anticipare la rivoluzione, anzi, l’evoluzione che è già in atto. È una piattaforma di intrattenimento piena di contenuti che potrebbe ospitare rubriche con personaggi famosi e non, e che parli di tutti i colori della cronaca”.

La vita di Barbara D’urso è sempre superdinamica tra dirette quotidiane e progetti futuri, ma la conduttrice sembra tenere bene il ritmo e amare la sua carriera, ma ammette che quando non avrà più nulla da dare alla Tv italiana, sarà felice di starsene lontano da telecamere e riflettori e godersi il meritato riposo.

“La mia mattina inizia alle sei. Alterno lezioni di pilates a camminate con il mio personal o lezioni di danza. Poi entro a Cologno Monzese rigorosamente in tuta. Riunioni per fare il punto sul programma pomeridiano e scaletta. Pranzo leggero: pasta di kamut con un filo d’olio quasi cruda, che fa benissimo, pollo e verdure. Poi trucco, parrucco, prova abiti e via in diretta. Ogni sera trovo qualcosa che mi tiene in movimento. Teatro, cinema, cena con gli amici e poi la domenica tutti in balera a ballare. Quando mi accorgerò che non avrò più nulla da dare, non farò battaglie e guerre per avere la luce delle telecamere addosso”