Barbara D’Urso contro il figlio di Cicciolina a Domenica Live, ecco perché

Barbara D’Urso, nel corso dell’ultima puntata stagionale di Domenica Live, ha avuto un acceso diverbio con Ludwig Koons, figlio di Cicciolina.

chiudi

Caricamento Player...

L’ultima puntata stagionale di Domenica Live si è conclusa con il botto, con la conduttrice Barbara D’Urso che ha avuto un acceso diverbio con Ludwig Koons, figlio della celebre ex pornostar Cicciolina. Mamma e figlio erano presenti in trasmissione per parlare della condanna di Cicciolina ad un anno di reclusione per tentata truffa. Cicciolina ha dichiarato: “La sentenza è sbagliata. Si sa che ci sono dei giudici che sbagliano sentenze. Noi ci appelliamo alla Corte d’Appello di Roma…”. Barbara D’Urso si è però dissociata dalle parole dell’ex pornodiva: “Vorrei dissociarmi dal fatto che i giudici sbagliano le sentenze, questo è un tuo punto di vista”.

Barbara D’Urso litiga con Ludwig Knoss: “Ti sei informato male!”

Barbara D'urso
Fonte foto: instagram.com/verissimotv

La conduttrice di Domenica Live ha assistito al duro attacco di Ludwig, che ha così replicato a Barbara: “Ho qui tra le mani un articolo: ‘Barbara d’Urso denunciata dall’ordine dei giornalisti per esercizio abusivo’. Non è la stessa così? Ci crede nella giustizia allora?” (CLICCA QUI PER IL VIDEO)

La D’Urso ha così interrotto il figlio di Cicciolina, invitandolo a lasciarla parlare per educazione: “Fermi tutti…Trovo veramente scorretto quello che stai facendo e non mi interrompere perché quando parla un’altra persona non si interrompe. Vorrei rispondere a quest’attacco. Ti sei informato male perché per quell’accusa è iniziato un processo, sono stata ascoltata e sono stata assolta perché il fatto non sussiste. Io credo nella giustizia. Non mi va di mettermi a litigare con un ragazzo che è stato educato in maniera diversa dai miei figli… Io non ho accusato tua madre”.

L’intervista si è conclusa con gli ospiti liquidati prima del previsto da parte della conduttrice che si è rivolta così a Ludwig: “Io sono educata, tu non lo sei. Direi di salutare questi gentili ospiti…”.