Il neonato piange e nessuno può rimanerne indifferente. Tanti possono essere i consigli, mala soluzione arriva dalla tecnologia con Baby Cry Translator App.

Il neonato piange e non è possibile evitarlo, del resto è uno dei modi che hanno per comunicare.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Il neonato, esprime le sue esigenze e i suoi sentimenti e lo fa, nel primo periodo della vita, anche e soprattutto attraverso il pianto. Questo rappresenta quindi la forma di comunicazione dei primi giorni di vita: è il linguaggio del bambino che richiama l’attenzione dei genitori per richiedere nutrimento, aiuto, protezione e conforto. É compito importante dei genitori imparare ad ascoltare e ad interpretare correttamente tale linguaggio.

Probabilmente si troverà un rimedio utile per farlo smettere di piangere avendo capito il perché, anche se a volte diventa più complicato.
Per le mamme più tecnologiche e meno pazienti, è arrivata una soluzione iTech: Baby Cry Translator App.

E’ stata creata da Cry Translator iOS app ed è un traduttore efficace per capire il motico per cui il neonato piange aiutando i genitori a calmarlo e il tutto entro 10 secondi.

Medaglia d’oro oro al Salone International delle invenzioni Ginevra 2010.

L’app , creata dal Professor Chang Chuan-yu, è stata presentata al Taipei International Invention Show and Technomart e sarebbe stata perfezionata attraverso l’analisi di oltre 100mila pianti di bambini diversi. Secondo il professor Chang la percentuale di accuratezza raggiunge il 92%.

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 19-09-2014


Ritirata dal commercio un’altalena Ikea: è pericolosa

Come vincere la fobia scolare, la crisi di rigetto dei banchi