Avete a casa del latte scaduto? Allora siete delle streghe!

Dalla finzione cinematografica alla storia pura, le donne streghe, seppur affascinanti, si sono trovate sempre nei guai. Talvolta sul rogo solo per aver fatto sesso fuori dal matrimonio.

chiudi

Caricamento Player...

Non si può dimenticare “Le streghe di Eastwick”, film cult del 1987 con Cher, Michelle Pfeiffer, Susan Sarandon e Jack Nicholson.

La trama ruota intorno a tre normali donne (una scultrice, un’insegnante di musica e una giornalista) che, affascinate dal nuovo cittadino Daryl Van Horne (Nicholson), appena trasferitosi nell’imponente villa settecentesca della cittadina, col tempo cominciano a scoprire di possedere poteri magici. La verità che si nasconde dietro queste magie, è che Daryl è il Diavolo e vuole avere un figlio da ognuna di loro. Peccato che l’uomo le ha rese delle streghe potenti e quando si accorgono di essere state usate promettono vendetta. Segue un duello incredibile di magia nera tra le streghe e il Diavolo.

Ma nel mondo reale, quello fuori dalla “pellicola”, la magia nera esiste davvero?

La storia è piena di racconti in tal senso. Basti pensare alle streghe di Salem, vittime di una serie di processi di stregoneria nel 1692, nel New England (oggi Massachusetts, Usa).

Dopo l’arresto di un gruppo di donne e bambine, il panico collettivo si trasformò nella caccia alle streghe.

Per fortuna viviamo nel 2015, perché per essere processate e arrestate per stregoneria, allora, bastava davvero poco. E oggi noi saremmo tutte li, sul rogo.

Questi gli indizi che riconducevano alla stregoneria:

1) Avere del latte o del burro andato a male in casa.

2) Avere un neo dall’aspetto particolare, una voglia o un terzo capezzolo (erano considerati marchi del demonio).

3) Essere una donna. Tanto bastò a Salem per accusare 106 donne su un totale di 144 condannati.

4) Essere affetti dalla malattia nota come “Corea di Huntington”. Si tratta di una malattia genetica, per la quale non esiste cura, che provoca movimenti scomposti del corpo e frequenti amnesie.

5) Fare sesso fuori dal matrimonio.

6) Azzardare una previsione, tipo “domani piove”, “la Roma vince lo scudetto”. Frasi anche dette tanto per parlare a vanvera, che spesso corrispondono anche a fatti che si avverano.

7) Essere povero.

8) Essere anziana e introversa.

Liete di non essere nate nel 1700, possiamo anche goderci gli scherzi della suocera Endora in “Vita da strega”, dove l’adorabile Samantha cerca in tutti i modi di coniugare la sua realtà con quella umana di suo marito, sia nella versione sit-com retrò, che in quella del lungometraggio che ha per protagonista Nicole Kidman.