Attraverso un test del sangue si potrà diagnosticare la depressione

Grazie a delle analisi del sangue da oggi in poi si potrà scoprire se si soffre di depressione oppure no. Questa scoperta incredibile è un grande passo avanti della medicina.

I ricercatori della Northwestern University Feinberg School of Medicine hanno fatto un grande passo avanti nella diagnosi della depressione.
Secondo gli esperti, sarà possibile accertare la presenza della patologia grazie a una semplice analisi del sangue. Fino ad ora i pazienti depressi venivano riconosciuti tramite la descrizione che loro stessi facevano dei sintomi della malattia.

Nel sangue delle persone depresse vi sarebbero 9 molecole di Rna, una sostanza ben riconoscibile e distinguibile nella sua concentrazione sanguigna che è diversa rispetto a quella delle persone non depresse. Monitorare la presenza di tali molecole è importante anche per capire l’efficacia delle terapie messe in atto per combattere la depressione. La concentrazioneematica di tale molecole cambia in base allo stadio della depressione ed anzi esse si presentano anche nei casi di pazienti che dalla depressione sono usciti tempo fa. Ciò significa che l‘analisi del sangue potrebbe anche rilevare quelli che sono i pazienti a rischio depressione.

Lo psichiatra italiano Graziano Pinna della University of Illinois a Chicago ha spiegato:

”L’importanza di questo studio si basa sulla scoperta di ben 9 RNA che possono essere utilizzati come biomarcatori non solo per la diagnosi e cura ma anche per predire l’insorgenza della depressione in soggetti a rischio. Ad oggi le diagnosi vengono condotte sulla base di sintomi generici quali mancanza di appetito e motivazione, stanchezza oppure cattivo umore e non in modo oggettivo come si fa per le altre malattie. Poter fare una diagnosi della depressione con un prelievo rappresenta dunque un progresso notevole nel campo delle malattie mentali specie se si tiene a mente che la depressione e’ una malattia che colpisce circa il 7% della popolazione con percentuali in crescita”.

Monitorare la presenza di tali molecole è importante anche per capire l’efficacia delle terapie messe in atto per combattere la depressione. La concentrazione di tale molecole cambia in base allo stadio della depressione ed anzi esse si presentano anche nei casi di pazienti che dalla depressione sono usciti tempo fa. Ciò significa che l‘analisi del sangue potrebbe anche rilevare quelli che sono i pazienti a rischio depressione.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 17-09-2014

Licia De Pasquale

X