Asia Argento shock: “Anch’io ho subito violenza da Harvey Weinstein”

Si allarga lo scandalo legato ad Harvey Weinstein, co-fondatore di Miramax, che avrebbe abusato di molte attrici famose, tra cui la nostra Asia Argento.

chiudi

Caricamento Player...

Lo scandalo di natura sessuale che vedrebbe coinvolto Harvey Weinstein, potentissimo produttore di Hollywood, si allarga sempre più e coinvolge attrici famose come Angelina Jolie, Gwyneth Paltrow e Asia Argento. Il produttore è finito al centro delle polemiche in seguito alle ripetute denunce per molestie sessuali da parte di attrici e dipendenti, molestate nel corso degli ultimi 30 anni.

L’Argento avrebbe conosciuto Weinstein quando aveva soltanto 21 anni, in occasione del suo prendere parte a B. Monkey – Una donna da salvare, film nel 1999 distribuito proprio dalla Miramax di Harvey.

Asia Argento
FONTE FOTO: facebook.com/WorldOfCelebrityPictures

Asia Argento: “Mi sono sentita colpevole!”

Asia, come riporta Il Corriere della Sera, ha raccontato la terribile vicenda: “All’epoca, era il 1997, avevo solo 21 anni ed ero stata invitata da uno dei produttori della Miramax a un party sulla Costa Azzurra, all’hotel Cap Eden Roc”.

Nel corso della serata, Weinstein l’avrebbe portata al piano di sopra con la scusa di un party, ma in realtà c’era solo una stanza d’albergo vuota: “Io ho chiesto al produttore che mi aveva accompagnata dove era la festa. E lui ha risposto: «Siamo arrivati troppo presto..» e poi mi ha lasciato sola con lui”.

All’inizio Weinstein l’avrebbe riempita di complimenti per la sua interpretazione, salvo poi andare in bagno e tornare con addosso una vestaglia e con una bottiglia di crema per il corpo in mano: “Mi ha chiesto di fargli un massaggio”.

L’attrice ha raccontato che avrebbe fatto il massaggio e che poi lui l’avrebbe costretta a subire un rapporto orale, nonostante lei gli avesse più volte detto di non farlo: “Ero terrorizzata, lui era grande e grosso. Non si sarebbe fermato davanti a un no. È stato un vero incubo”.

Asia Argento ha continuato il suo racconto, aggiungendo di aver rivisto il produttore per altri incontri nel timore che lui distruggesse la sua carriera: “Il fatto di non averlo respinto fisicamente mi ha fatto sentire responsabile. Se fossi stata una donna forte mi sarei ribellata, gli avrei tirato un calcio e sarei scappata via. Ma non l’ho fatto. Per questo mi senti colpevole… Dopo la violenza, ha vinto. Sono passati 20 anni da quella storia e se non l’ho fatta uscire prima è perché avevo paura. Lui ha fatto male a tante persone in passato”.

FONTE FOTO: facebook.com/ASIA-ARGENTO