Arrestato per guida in stato di ebrezza: Michael Phelps si scusa su Twitter

Michael Phelps ha fatto ammenda sul social network dopo un nuovo arresto dovuto al suo tasso alcolico dopo che si era messo al volante della sua auto.

Michael Phelps è stato uno die più grandi campioni della storia del nuoto (forse il migliore in assoluto) grazie alle sue innumerevoli medaglie ed al suo record di otto medaglie d’oro nella stessa edizione dei Giochi Olimpici (Pechino 2008). Adesso però sta affrontando una serie di problemi fra cui la dipendenza dall’alcol.

Il campione è stato infatti arrestato per guida in stato d’ebrezza dopo essere stato fermato dalla polizia nel Maryland. Il motivo? Andava a 84 miglia all’ora (140 km) in una zona in cui il limite massimo consentito si fermava ai 45.

Fatto scendere dalla sua Range Rover è stato sottoposto al test ed il livello di alcool nel sangue di Phelps era pari al doppio del limite legale. Immediato l’arresto, con le accuse di eccesso di velocità, guida in stato di ebrezza e per aver oltrepassato la doppia linea sulla carreggiata che indica il divieto di sorpasso.

Dopo essere stato rilasciato Michael Phelps si è scusato e per farlo ha deciso di usare il social network Twitter scrivendo:

“Capisco la gravità delle mie azioni e me ne assumo la piena responsabilità. So che queste parole non possono significare molto in questo momento, ma sono profondamente dispiaciuto per tutti quelli che ho deluso”.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 01-10-2014

Donna Glamour

X