Arrestato Dj Giuseppe di Radio 105: si fingeva poliziotto

E’ stato arrestato Dj Giuseppe di Radio 105: si fingeva poliziotto con un falso distintivo.

chiudi

Caricamento Player...

Dj Giuseppe, una delle voci più amate e seguite di Radio 105 che conduce il programma 105 Music & Cars assieme ad Alvin, è stato arrestato ieri sera a Milano.

Stando alle ricostruzioni de Il Fatto Quotidiano, Dj Giuseppe è stato fermato verso le ore 20 da una pattuglia dei carabinieri in piazza Dergano, zona Comasina a  Milano, attirati dai  suoni tipici delle comunicazioni radio che corrono sulle frequenze delle forze dell’ordine. Notando Dj Giuseppe con in mano una radio portatile, vicino a un supermercato Simply  lo hanno scambiato per un collega, anche perchè lui, una volta avvicinatisi i carabinieri, si è subito identificato come un appartenente alla polizia.

I carabinieri hanno iniziato ad informarsi, chiedendogli informazioni sulla sua occupazione, dove avesse servizio e quali fossero le sue mansioni, domande alle quali Dj Giuseppe avrebbe risposto dicendo di essere dell’antiterrorismo e mostrando alle forze dell’ordine un tesserino di assistente capo e un distintivo in metallo, cosa che avrebbe suscitato non pochi sospetti negli agenti, che a quel punto avrebbero deciso di approfondire le ricerche, scoprendo che in realtà il distintivo era falso.

La situazione di Dj Giuseppe sarebbe ulteriormente complicata dal fatto che portasse con sè una finta pistola giocattolo a gas, priva del tappo rosso, contenente otto pallini all’interno del caricatore.

A provocare l’arresto, tuttavia, sarebbe stata una perquisizione della sua abitazione di Milano, dove sarebbero stati rinvenuti 15 grammi di marijuana, che hanno portato alle manette per possesso di droga, armi modificate e falsi segni distintivi.

Stamattina Dj Giuseppe è stato portato in direttissima e ha patteggiato sei mesi con la condizionale per possesso di segni distintivi contraffati e “cognizione illecita di comunicazioni o conversazioni telefoniche”.

“Volevo vigilare sul territorio, dare una mano alle forze dell’ordine”, si è giustificato dj Giuseppe in aula durante l’udienza per direttissima.