Arnaud Mimran in carcere con l’accusa di frode e coinvolgimento in omicidio

L’ex compagno di Claudia Galanti, Arnaud Mimran, in carcere, accusato di una maxi-truffa internazionale ai danni dello stato francese, riciclaggio ed evasione fiscale. Il suo nome apparirebbe anche in tre inchieste per omicidio.

Armaud Mimran, ex compagno di Claudia Galanti, è al centro in questi giorni di una grave vicenda giudiziaria, a pochi mesi dalla scomparsa prematura della loro bambina.

Mentre Claudia Galanti inizia faticosamente a riprendersi dl terribile  lutto che l’ha colpita negli scorsi mesi e ritrova il sorriso con il suo nuovo compagno, Arnaud Mimran vive ancora un momento difficile, questa volta a causa di gravi incriminazioni.

Leggi anche: Claudia Galanti ha pensato al  suicidio

L’imprenditore francese si trova infatti in un carcere di Parigi, dopo l’arresto con accuse gravissime subito lo scorso 20 gennaio da parte del Service National de Douane Judiciaire.

Stando a quanto riportato dal settimanale Oggi, Arnaud Mimran è accusato di frode ai danni dello Stato francese e addirittura coinvolgimento in alcuni omicidi.

Dai risultati  dell’indagine coordinata dal magistrato francese Guillaume Daieff emerge come Mimran sarebbe stato il responsabile di un’enorme truffa internazionale relativa alla cessione di quote di emissioni di CO2 tra Unione Europea e Israele.

Leggi anche: Claudia Galanti torna in Tv

Secondo gli inquirenti, la frode ammonterebbe alla cifra  di 1.600 miliardi di euro.

Inoltre su Arnaud Mimran pendono anche accuse di riciclaggio di denaro ed evasione fiscale e perfino il sospetto coinvolgimento nell’assassinio di Samy Souied e Claude Dray.

Samy Souied  rimase ucciso  nel 2010, proprio il giorno in cui si incontrò con Mimran per parlare di un investimento di alcune decine di milioni, mentre Claude Dray era un miliardario e collezionista trovato morto nel 2011, in circostanze mai chiarite.

Inoltre il nome di Arnaud Mimran è stato anche associato all’attentato subito dal giocatore di poker Cyril Mouly e dal suo autista (che ha portato all’uccisione di quest’ultimo) da parte di due sicari mascherati nell’aprile 2014.

Guai giudiziari anche per l’attuale compagna di Mimran, Tamara Pisnoli, arrestata lo scorso dicembre con l’accusa di estorsione e violenze ai danni dell’imprenditore del fotovoltaico Antonello Ieffi, è ad oggi agli arresti domiciliari.

La Pisnoli avrebbe preteso di riavere dall’uomo 150 mila euro a fronte di un investimento di 80 mila euro e, di fronte al rifiuto di quest’ultimo, ne avrebbe quindi ordinato il pestaggio.

ultimo aggiornamento: 27-02-2015

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X