Antiossidanti: il Tirone è il più Efficace per Proteggere la Pelle

Il Tirone è l’ultima scoperta tra gli antiossidanti, in grado di proteggere la pelle dalle radiazioni del sole molto più efficacemente di quelli testati finora.

chiudi

Caricamento Player...

I ricercatori della Newcastle University hanno scoperto un nuovo antiossidante in grado di proteggere e riparare i danni causati dal sole sulla pelle con una efficacia del 100%.  Il nome di questo composto è Tirone ed è cinque volte più potente del resveratrolo che finora era il più efficace rimedio utilizzato.

I primi test, pubblicati sulle pagine del Faseb Journal, hanno confermato che il mitocondro cutaneo, la fabbrica di energia che regola morte o sopravvivenza delle cellule e che causa la comparsa di rughe quando viene bombardato dai raggi solari, è totalmente protetto dal nuovo composto. E’ infatti l’unico tra gli antiossidanti a raggiungere una protezione del 100% contro il 22% raggiunto dal più conosciuto resveratrolo, contenuto in gran quantità nel vino rosso.

Il Tirone supera di molto anche altri noti antiossidanti come la N-Acetilcisteina, molto usata in laboratori di dermatologia e che riduce il 20% dello stress ossidativo e l’8% delle radiazioni eltraviolette UV-A.  Il tirone supera anche la curcumina, un composto naturale molto utilizzato nella cosmesi che ha un’azione antiossidante del 16% e un’azione protettiva dai raggi UVA dell’8%.

I ricercatori inglesi precisano che Il tirone è un composto chimico non presente in natura, e ancora non si conoscono la tossicità sull’uomo e i test sulle cavie sono ancora pochi, ma si è scoperto che ha capacità protettive totali sui mitocondri. In sostanza, impedisce che il sole provochi danni e può diventare in futuro un potente antiossidante per il ringiovanimento della pelle, da utilizzare in creme antirughe o in integratori alimentari.

antiossidanti-per-l'esposizione-al-sole
antiossidanti-per-l’esposizione-al-sole

L’estate è la stagione in cui si registrano con maggiore frequenza le reazioni e i danni sulla pelle dovute all’azione del sole. Purtroppo l’incidenza del fenomeno è in crescita. Le radiazioni ultraviolette sono diventate molto più aggressive in questi ultimi anni, anche in seguito ai cambiamenti climatici e alla modifica degli strati dell’atmosfera. Si spera quindi che l’ingresso del Tirone tra i composti di creme solari protettive sia il più veloce possibile.

Naturalmente vale sempre la regola più importante ovvero quella della prevenzione. Mai esporsi per lungo tempo al sole in estate durante le ore centrali della giornata e usare sempre protezioni solari durante le oltre ore.