Anna Tatangelo nuda per la campagna LILT: è polemica

LILT sceglie di far posare Anna Tatangelo nuda come testimonial per la campagna di prevenzione del tumore al seno: i social si scatenano

chiudi

Caricamento Player...

La LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) ha scelto come testimonial della nuova campagna per la prevenzione  del tumore al seno, sempre più diffuso tra le donne, Anna Tatangelo. La cantante ha posato nuda per la campagna, nel gesto di abbracciare il suo stesso seno e ha spiegato sulla sua pagina Facebook il significato dietro quella foto: “L’abbraccio simboleggia il gesto più intimo per dire: “Mi voglio bene, per questo mi prendo cura della mia salute. La prevenzione deve diventare uno stile di vita tutte/tutti noi dobbiamo capire che basta poco: ritagliarsi del tempo con appuntamenti fissi, calendarizzati, per controllare la nostra salute e vivere meglio, e, soprattutto, non rischiare di accorgerci troppo tardi del male”.

La campagna LILT però, ha scatenato diverse polemiche  sui social tra le associazioni di donne che hanno o hanno avuto questo tipo di malattia, le quali non hanno visto di buon grado la scelta del tipo di foto e di testimonial e hanno chiesto di rimuoverla. In particolare, hanno alzato la voce su Facebook le donne appartenti al famoso gruppo “Le Amazzoni furiose” che si sono rivolte direttamente al ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

Per conto della LILT, alle polemiche ha risposto il presidente, il senologo chirurgo Francesco Schittulli, che ha spiegato le motivazioni della scelta della Tatangelo che, tra l’altro, ha scelto di collaborare gratuitamente e di fare un tour nelle scuole per sensibilizzare sull’importanza della prevenzione. Come riporta Repubblica, Schittulli ha dichiarato:  “Si tratta di una campagna di prevenzione non rivolta alle donne malate, ma alle giovani e giovanissime. Quella posa che ha offeso le firmatarie della lettera, sono sincero, è stata voluta perché è un’immagine positiva impegnata a mantenere il proprio stato di salute, di benessere. Non ho mai pensato a una posa da calendario. Quello è un abbraccio che protegge il seno. E ho pensato a una testimonial che possa parlare alle nostre figlie”.

Fonte: Instagram
Fonte: Instagram