Amore Criminale: Antonella, uccisa e poi bruciata dal suo compagno

Ad Amore Criminale si ripercorre un caso cronaca che fa riferimento a una vicenda avvenuta ad Agrigento: Antonella Alfano venne uccisa dal compagno Salvatore che, per depistare l’omicidio, simulò un incidente stradale.

chiudi

Caricamento Player...

Ad Amore Criminale si ripercorre un episodio che sconvolse Agrigento. Ad essere postata in scena è la storia di Salvatore Rotolo, un carabiniere stimato di cui si innamora Antonella Alfano.

Antonella è una ragazza molto bella, che cerca di sfondare nel mondo della moda. Salvatore invece, è un appuntato dei Carabinieri dal carattere ombroso.

In Amore Criminale si ripercorre l’episodio della notte di San Lorenzo di inizio 2000, quando i due si conoscono ed inizia un nuovo amore. Sin dai primi incontri, Antonella capisce che Salvatore è una persona speciale e si innamora di lui, perde completamente la testa e si abbandona a quella storia che sembra l’inizio di una favola.

Ad Amore Criminale si ricorda poi il momento in cui Antonella scopre di essere incinta: lei e Salvatore stanno insieme da soli 3 mesi. Ma se per lei è un grande momento di gioia, per lui non vale lo stesso. Proprio quel momento sarà l’inizio della tragedia.

La nascita della bambina da nuovo slancio ed entusiasmo ad Antonella, ma si tratta di una semplice illusione. Il rapporto tra i due non esiste. Salvatore vive il suo rapporto con Antonella come una costrizione, si sente libero quando lavora. Il paradosso è che, pur non amandola, Salvatore è molto geloso di lei.

Negli ultimi giorni di gennaio Antonella scopre che Salvatore ha un’amante.

Amore Criminale arriva così al 4 febbraio: una lite che arriva alla violenza, Antonella cerca di difendersi, ma lui non molla la presa.

La sentenza ipotizza che Antonella sia morta per soffocamento, ma Salvatore non ha mai confessato l’omicidio.

Il corpo dell’ex modella e madre di una bimba di 18 mesi, fu trovato carbonizzato all’interno della sua auto finita in fondo ad una scarpata alla periferia di Agrigento.

Salvatore, secondo la ricostruzione della sentenza di condanna, tenta di inscenare un incidente stradale.

Nonostante le lunghe indagini non è mai stato individuato il colpevole dell’omicidio della donna.