Amore per i cani? E’ tutta una questione di sguardi

Gli occhi dei cani scatenano reazioni d’amore nell’uomo: si tratta di un amore a prima vista, proprio come avviene tra umani

chiudi

Caricamento Player...

La chiave del legame speciale fra uomini e cani potrebbe risiedere nello sguardo: infatti basta guardarsi negli occhi con il proprio amico a quattro zampe per provare affetto e fiducia nei suoi confronti. A sostenerlo è una ricerca dell’Azabu University, pubblicata sulla rivista Science.

Si tratta di una reazione reciproca: la risposta ormonale innescata dallo sguardo è la stessa tanto nel cane quanto nel suo padrone.

Se una volta si diceva: «Non guardate negli occhi il vostro cane» perchè l’animale potrebbe sentirsi sfidato e reagire male, le ultime ricerche ci orientano verso un nuovo linguaggio degli occhi, tra gli animali domestici e il loro padrone, in grado di migliorare il legame affettivo.

Il rapporto cane padrone è come tra mamma e bebè

Quando cane e uomo interagiscono, si verifica la stessa reazione di quando mamma e bebè si guardano negli occhi. L’infante, non potendo ancora comunicare con altri mezzi, parla semplicemente con lo sguardo: in entrambi aumenta il livello di ossitocina, il cosiddetto ormone dell’amore, che favorirebbe i legami sociali e l’affezione.

Ma perché lo sguardo ha questo potere? Con lo sguardo si possono comunicare emozioni intense che non hanno bisogno di parole: si tratta di linguaggio non verbale, nonchè un potente strumento comunicativo che ci mette in relazione con gli altri attraverso il corpo.

Lo sguardo può esprimere varie emozioni (affetto, protezione, tenerezza, ma anche aggressività, dominanza e autorevolezza) e attivare il sistema nervoso a produrre neurotrasmettitori e ormoni come l’ossitocina. In poche parole i padroni hanno un livello più alto di ossitocina se i loro cani li ha guardati a lungo: l’ormone infatti porta le persone a interagire con gli animali, e lo sguardo dell’uomo a sua volta aumenta l’ossitocina dei cani.

Per questi motivi la pet-therapy, basata sull’interazione con gli animali si è accreditata come un utile strumento per il trattamento di alcuni disturbi.