Amici 2015: continuano i dissapori tra Briga ed Emma

Briga e Emma non vanno d’accordo e i brani da cantare al serale di Amici sono motivo di litigio

chiudi

Caricamento Player...

Prima si parlava di un loro flirt, smentito più volte, ora però, Briga e Emma Marrone, allievo e coach, non riescono a mettersi d’accordo sui brani per il serale.

Leggi anche: Eliminato Davide dal primo serale di Amici, ma si sa già chi sarà il secondo eliminato

Durante la striscia pomeridiana di Amici 2015 Emma Marrone è entrata nella saletta della squadra bianca mettendo in chiaro le cose, con un sottinteso riferimento a Briga.

” O seguite quello che vi dico oppure vi lascio da soli a confrontarvi con i vostri successi e insuccessi. Non ci metto più la faccia nelle cose che non decido e controllo io”

Briga, senza peli sulla lingua, non tarda a replicare alla sua coach:

“Io cerco un confronto. Se tu ti arrabbi però non va bene”

Emma Marrone però, non si lascia mettere i piedi in testa e prima di uscire dalla sala arrabbiata e offesa dal comportamento del rapper, gli ha fatto una bella ramanzina.

“Sbagli, io sono sempre stata troppo buona fin dall’inizio. Se ognuno si sceglie le proprie cose da solo se le porta avanti da solo. Punto”.

Come dall’inizio del programma, Briga lamenta principalmente una mancata valorizzazione nei suoi confronti e vorrebbe poter avere più scelta e fiducia per i brani da portare al serale.

Dopo il momento di tensione Briga ha abbassato le orecchie e ha chiesto un colloquio privato con Emma per chiarirle i suoi pensieri.

“Io ho un brutto carattere però io ho un’identità qua dentro. Io farò tutto quello che tu mi dici di fare ma devi sapere che posso anche dare di più, interagire di più”

Lei, piacevolmente stupita dal suo pensiero, sembra aver accolto la sua richiesta di pace:

“Questa è la prima volta che tu mi parli in modo sereno e chiaro senza sbuffare o alzare gli occhi al cielo. Tu puoi fare tutto quello che ti dico di fare solo se mi permetti di entrare nel tuo mondo. Tu vai in ansia, tu rifiuti a priori senza nemmeno provare, capire…”.