Il riposino pomeridiano è un toccasana per la memoria e potenzia le capacità di apprendimento

Il riposino pomeridiano, odiato dai bambini e desiderato dagli adulti, pare sia utilissimo per migliorare le capacità mnemoniche.

Leggi anche:Dormire in una stanza fredda, quali sono i benefici?

Lo dimostra uno studio della Saarland University in Germania, secondo il quale un riposino di 45 minuti nel pomeriggio potenzia di 5 volte le capacità mnemoniche. Il test per arrivare a questo esito, si è svolto in questo modo: è stato chiesto a un gruppo di persone di imparare a memoria 90 parole e 120 coppie di parole senza un senso logico. Una parte delle persone è stata mandata a fare un riposino e l’altra parte ha guardato un DVD.

Il responsabile del team di ricercatori dell’Università,  Axel Mecklinger, ha spiegato:

“Le prestazioni mnemoniche dei partecipanti che avevano fatto un pisolino erano buone come prima di dormire, cioè immediatamente dopo aver completato la fase di apprendimento. In poche parole, le prestazioni mnemoniche non sono migliorate nel gruppo che ha fatto un pisolino rispetto a quelle misurate subito dopo la fase di apprendimento, ma sono rimaste costanti. Quindi, un breve pisolino in ufficio o a scuola è sufficiente a migliorare in modo significativo il successo dell’apprendimento. Dovremmo pensare seriamente agli effetti positivi del sonno”

Il riposino, come il sonno, è una fase molto importante e da non sottovalutare. Sarebbe opportuno, infatti, dormire almeno 7-8 ore a notte e fare un sonnellino di 20-40 minuti nel pomeriggio. In questo modo l’organismo sarà più riposato e il cervello potrà apprendere con più facilità.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 25-03-2015


Come essere più buoni? È in arrivo la pillola della bontà

Essere lunatiche ed emotive ci rende migliori