Allarme caldo, animali in fuga e a rischio estinzione

L’allarme è stato lanciato: le temperature sulla Terra sono alte e c’è il rischio che molti animali non solo fuggano verso Nord, ma si estinguano del tutto

chiudi

Caricamento Player...

Le temperature sulla Terra stanno diventando troppo alte e c’è il rischio che molti animali migrino in massa verso le zone più settentrionali del nostro pianeta. Nei casi peggiori, c’è il rischio che molte specie animali possano addirittura estinguersi. Una delle regioni maggiormente interessate dall’aumento della temperatura è sicuramente il nord dell’Alaska, dove stanno giungendo specie animali che, notoriamente, dovrebbero trovarsi più a sud ma anche a causa del riscaldamento globale si trovano costrette a migrare verso nord dove trovano un habitat ora più favorevole.

Le specie animali viaggiano verso nord: fa troppo caldo!

La regione del nord dell’Alaska era nota tempo fa per i suoi ghiacciai e per le sue distese di neve. Ora, rispetto agli altri stati degli USA, questa regione si sta riscaldando ad un ritmo troppo elevato. Tra il 1925 e il 2000, la temperatura media di queste zone era di -12 gradi.

Ora arriviamo anche a -5. Non si trovano più qui alci e castori. Anche gli orsi Grizzly si spostano ancor più a nord, dove finiscono con l’accoppiarsi con gli orsi polari, generando una nuova specie di orsi.

Le volpi rosse del Canada sono giunte nei territori delle volpi artiche e devastano i nidi degli uccelli migratori. Secondo le previsioni dell’Università del Queensland, entro il 20170 l’83% delle specie artiche di volatili sarà ormai estinta.

Il riscaldamento globale sta, ovviamente, favorendo lo scioglimento dei ghiacciati che, in quella zona, ha già fatto aumentare di ben 2,9 millimetri il livello dei mari.

Le previsioni degli esperti sono catastrofiche: i danni saranno enormi ed i vecchi habitat degli animali selvaggi verranno invasi da altre specie animali di conquistatori. In primis, arriverà l’uomo che vorrà costruire porti, alberghi e complessi turistici, accelerando così la fine di ogni cosa.

FONTE FOTO: PIXABAY