Un alimento pressoché perfetto per l’organismo? L’avocado

Propellente, alcalinizzante, energizzante ed idratante: tutto questo e molto altro è racchiuso nell’avocado. Scopriamo insieme i benefici di questo alimento.

chiudi

Caricamento Player...

Ha la forma di una pera, una noce dalla forma dell’occhio di un alligatore e un color verde: stiamo parlando dell’avocado.

Gli avocado sono una cospicua fonte di proteine, grassi monoinsaturi, acidi grassi essenziali, steroli vegetali benefici, clorofilla, compresa un’ampia gamma di micronutrienti e tutto ciò senza contenere amido e con pochissimo zucchero ed un elevato contenuto di grassi e proteine. Nonostante quello che si può pensare, sono facilmente digeribili, poichè sono costituiti per l’80% da grassi salubri e per il 15% da proteine. Forniscono più proteine del latte vaccino e contengono tutti gli amminoacidi essenziali.

I loro grassi salubri sono utili nella costruzione cellulare, aiutano ad abbassare il colesterolo e fungono da risorsa energetica che può essere bruciata dall’organismo come carburante. Sono un’alternativa migliore dell’ossidazione del glucosio (zucchero) o, addirittura, delle proteine, dei quali rimane nel sangue lo scarto di cenere acida. Questa loro qualità li rende utili soprattutto ai diabetici, sia di tipo I che di tipo II, che ne dovrebbero mangiare 2 o 3 al giorno.

Può essere consumato dai diabetici perchè ha un basso contenuto di sodio, di zucchero e non contiene amidi, può essere inserito in una dieta ipocalorica perchè ricco di fibre più di altra frutta e verdura, oltre alla dieta fa bene anche per combattere l’alito cattivo ed è uno dei migliori colluttori naturali.

Il contenuto di potassio aiuta la regolazione della pressione sanguigna e quindi a prevenire patologie cardiovascolari come infarti e ictus. Inoltre il potassio aiuta ad aumentare i livelli del metabolismo e l’energia dell’organismo.

Pare inoltre che l’avocado sia ottimo per combattere i segni dell’età, a ridurre le rughe, è un ottimo idratante, cura le scottature prevenendo le irritazioni.

Insomma, come avete fatto a vivere senza avocado fino a oggi?