Alimentazione: in Inverno ci si Nutre Meno Bene

Durante l’inverno spesso si segue un’alimentazione non corretta che, unita alla scarsa attività fisica, provoca problemi all’organismo e causa apatia e depressione.

chiudi

Caricamento Player...

Statisticamente l’inverno è la stagione in cui si mangia di più, soprattutto non in modo appropriato, si passa più tempo al chiuso che all’aria aperta e si fa meno sport rispetto alle belle stagioni. Tutto ciò si riperquote sul fisico causando sovrappeso e stanchezza, ma anche a livello psicologico causa problemi come apatia e stati depressivi.

Per quel che riguarda l’alimentazione si può rimediare con alcune buone regole facili da seguire che aiuteranno a non perdere la forma in arrivo della primavera. Per prima cosa è impartintissimo non saltare mai la prima colazione. Infatti rappresenta il pasto più importante della giornata a patto che vengano consumati cibi sani. Abolire cornetti, brioche, latte e cappuccini che contengono solo grassi, hanno un potere nutrizionale quasi nullo e appesantiscono lo stomaco e la mattinata. Quali sono allora gli alimenti da consumare a colazione? La frutta secca è d’obbligo, sia quella a guscio che quella disidratata. Mandorle, noci (non più di tre), nocciole,  albicocche secche o fichi rappresentano per l’organismo una vera e propria miniera di elementi nutritivi fondamentali. Meglio se accompagnata con semi di vario tipo: di zucca, pinoli, sesamo tostato (importante fonte di calcio) e altri.

Alimentazione: frutta secca
Alimentazione: frutta secca

Altri alimenti importanti sono i cereali che permettono di assumere la giusta quantità di carboidrati, cioè l’energia necessaria all’organismo da spendere durante la giornata. Vanno consumati al mattino o a pranzo (non a cena). A colazione si possono consumare i fiocchi naturali di cereali con latte vegetale, pane ai cereali senza grassi (meglio integrale che ha un indice glicemico più basso). Evitare mueslì o altri prodotti industriali che contengono zuccheri e grassi vegetali dannosi all’organismo.

Abolire gli alimenti troppo calorici, e durante la giornata, riducete al minimo (niente è meglio) i prodotti con grassi animali,  carne rossa, e bevande zuccherate e superalcolici. Fondamentale è bere almeno due litri di acqua la giorno, cosa che di inverno spesso si trascura, e il consumo di frutta e verdura (meglio cruda) , che hanno la capacità di migliorare le capacità cognitive, di contrastare i radicali liberi e di proteggere dai tumori.

Recenti ricerche, hanno dimostrato il legame esistente tra bassi livelli di omega3, magnesioe selenio e la depressione. Questi elementi sono reperibili nel pesce, nella frutta secca e nelle verdure a foglia verde.