Aldo Montano racconta la felicità di essere diventato padre

Aldo Montano, durante un’intervista concessa a Chi, ha raccontato la gioia di essere diventato padre e del voler presto dare un fratellino a Olimpia.

chiudi

Caricamento Player...

Aldo Montano, e la sua giovane e bellissima moglie, l’atleta Olga Plachina, sono diventati genitori della splendida Olimpia, frutto del loro amore. Aldo è al settimo cielo e, in un’intervista concessa al settimanale Chi, ha raccontato le emozioni, sino ad oggi mai provate, dell’essere diventato padre di una bambina per la quale darebbe la sua vita.

Aldo Montano: “In casa c’è il profumo della felicità!”

ALDO MONTANO
ALDO MONTANO

Montano non potrebbe essere più felice: “Pensavo da sportivo di aver provato le emozioni più intense vincendo le Olimpiadi, ma quando ho assistito alla nascita di mia figlia Olympia ho provato una sensazione indescrivibile, che non posso paragonare a nessun’altra. Da quando c’è lei in casa è come se sentissi sempre il profumo della felicità. Il ruolo di padre è un qualcosa che sentivo, ma che conoscevo soltanto nella teoria”.

La coppia non si lascia certo spaventare da qualche notte insonne: “Vedendo Olympia sorridere, stringere il mio dito con la sua manina, mi fa pensare che questo fosse davvero il momento giusto. Sto assaporando meglio la vita con i suoi miracoli.  Certo, si dorme un po’ meno, ma pazienza. Darei la vita per mia figlia, figuriamoci se mi preoccupo per qualche ora di sonno in meno”.

Aldo sarebbe già pronto ad avere un secondo figlio, ma ora la coppia deve rimettersi al lavoro per preparare le Olimpiadi del 2020, a cui entrambi non vogliono di certo rinunciare: “Un secondo figlio? Fosse per me anche subito. Anzi ero ancora in sala parto quando, per far sorridere Olga, le ho chiesto: ‘Quando facciamo il secondo?’ Lei che stava ancora soffrendo per il parto, mi ha risposto con un “Vaffa” nel suo italiano ancora incerto. Scherzi a parte Olga adesso deve tornare in “pista”. Ci saranno le Olimpiadi a Tokyo nel 2020 ed entrambi contiamo di partecipare. Sogno di vincere ancora con mia moglie e mia figlia in tribuna a fare il tifo per me. Poi penseremo sicuramente a dare un fratellino o una sorellina a Olimpia”.