Alba Parietti molestata al telefono, ecco cosa è successo

Via Facebook, Alba Parietti ha denunciato di essere stata insultata e molestata al telefono da un numero che si è poi scoperto appartenere a…

chiudi

Caricamento Player...

La conduttrice e showgirl Alba Parietti ha denunciato, dal proprio profilo Facebook, di essere stata molestata e insultata telefonicamente via telefono, da un numero sconosciuto. Per porre rimedio alla faccenda, la Parietti ha deciso di pubblicare proprio su Facebook il numero di telefono incriminato, invitando i suoi fan ad aiutarla a capire di chi fosse il misterioso numero. Ebbeme, la showgirl, con l’aiuto dei suoi fan, è riuscita a scoprire che il numero in questione appartiene ad un altro vip: Giacomo Urtis.

Alba Parietti
FONTE FOTO: www.facebook.com/alba.parietti?

Alba Parietti ‘perseguitata’ da Giacomo Urtis? Ecco come stanno le cose

Queste le parole della Parietti su Facebook: “Antefatto: vengo da tempo insultata da un numero di telefono anonimo con parolacce e minacce di ogni sorta. Per liberarmi dal problema ho pubblicato il numero, per me sconosciuto, chiedendo aiuto ai miei amici su Facebook per riconoscerlo. E si è levato un coro di voci unanime: “È di Giacomo Urtis”. Visto che è una persona che non conosco, non avevo il suo numero in rubrica. Tanto che mi hanno chiamato alcuni suoi conoscenti per dirmi che lui non ne sapeva nulla. E tanto che Urtis è stato avvisato del mio post, come scrive nella denuncia, dalla giornalista S. L. che l’ha prontamente informato del pericolo incombente: “Alba Parietti ha pubblicato il tuo numero su Facebook dicendo che sei uno stalker”.

La showgirl ha poi agggiunto: “Ne consegue che Urtis, che si trova a Venezia, è corso a fare la denuncia che vedete, dicendo che il numero gli è stato rubato. Ora, felice di aver scoperto a chi è intestata l’utenza che mi perseguita e che non è Urtis il mio stalker, mi permetto due riflessioni. La prima è che Urtis ha denunciato il furto del numero con un po’ di ritardo, visto che già prima lo avevano chiamato alcuni suoi amici come Emilio Fede e Francesca Cipriani per dirgli che avevano ricevuto insulti dalla sua utenza. Ma si è mosso solo dopo che l’amica S. L., con spirito caritatevole, lo ha avvisato del mio post. E arrivo al secondo punto: la signora sostiene che io sia ossessionata da lei, ma vedo che anch’io non le sono indifferente visto che frequenta la mia pagina con un’attenzione che nemmeno un parente mi dedicherebbe, forse è diventata una mia fan affezionata.

La sua puntualità mi commuove, ha permesso di risolvere il caso a tempo di record, avete presente quegli ispettori americani che arrivano sul luogo del delitto prima ancora che si sia consumato? Allora, cari amici, vi lancio questo invito: se mi dovesse accadere qualcosa o se dovessi sparire, non chiamate “Chi l’ha visto?” ma chiedete direttamente alla signora S. L., visto che è una mia tanto assidua sostenitrice. E con questo cold case vorrei arricchire la lista degli argomenti degni del “Bello delle donne”. 

Cosa farà adesso Giacomo Urtis?