Biografia di Carolina Herrera: perché la moda bon ton non invecchia mai

Vi raccontiamo la vita della stilista più amata dalle First Ladies, Carolina Herrera

chiudi

Caricamento Player...

Le tendenze vanno e vengono, ma l’eleganza e la classe sono senza tempo. Questa frase dal suo Instagram riassume la personalità di Carolina Herrera, stilista venezuelana che ha vestito Jacqueline Onassis, Laura Bush, Michelle Obama e Melania Trump. Parole che non potrebbero essere più vere: lo stile del suo atelier colpisce ancora oggi con i profumi Carolina Herrera 2012 e gli abiti da sposa Carolina Herrera.

Esordi di una vera icona della moda

Carolina (in foto) nasce a Caracas l’8 gennaio 1939. Incredibilmente, è la nonna a farla appassionare alla moda portandola alle sfilate di Balenciaga e comprandole capi Lanvin e Dior. La sua carriera inizia come PR per l’amico stilista Emilio Pucci, e continua a New York. Qui Carolina frequenta Mick Jagger e Andy Warhol. L’editrice di Vogue Diana Vreeland le consiglia di disegnare una linea sua, che verrà sponsorizzata dalla boutique di Park Avenue Martha’s.

Carolina Herrera
Fonte foto: https://www.instagram.com/houseofherrera/

Il ritorno a Caracas

Visto il successo della prima collezione, la Herrera torna in Venezuela dove debutta con una sfilata vera e propria. Sarà questa collezione a lanciare la carriera della futura supermodel Iman. Il brand diventa così famoso da attirare l’attenzione di Jacqueline Kennedy Onassis. La First Lady infatti chiederà alla stilista di disegnare il vestito da sposa della figlia Caroline. Più di recente, l’atelier è stato protagonista della New York Fashion Week 2017.

I successi di oggi: i profumi Carolina Herrera 212 e gli abiti da sposa

Come tutti gli stilisti, la Herrera si è specializzata anche nelle fragranze già a partire dagli anni Ottanta. Oggi le sue fragranze appartengono alla linea Carolina Herrera 212 e comprendono 212 VIP, 212 NYC, 212 SEXY e 212 PILLS. Scopritele sul sito ufficiale insieme all’abbigliamento e agli abiti da sposa Carolina Herrera.