A quanti anni si inizia a masturbarsi

C’è un’età prestabilita in cui iniziare a masturbarsi? Scopriamolo insieme.

chiudi

Caricamento Player...

Un tempo masturbarsi era considerata una vergogna, si diceva che chi lo faceva stesse commettendo un peccato, ed era opinione comune che fosse dannoso per la salute. Poi queste convinzioni sono state sdoganate, e al giorno d’oggi la masturbazione è considerata in molti casi utile specialmente alle donne per la scoperta del proprio corpo, e terapeutica perché il piacere che apporta, sempre che la pratica non diventi compulsiva (in quel caso dipenderebbe da complicanze psicologiche) pare abbia un effetto rilassante sul fisico e sull’umore.

A quanti anni si inizia a masturbarsi? E’ un fattore molto soggettivo. La maggior parte delle persone intorno alla pubertà, ma può capitare anche che ci si inizi a masturbare in concomitanza con le prime pulsioni sessuali, che possono comparire anche verso i 7 – 8 anni sia per le femmine che per i maschi: in quest’ultimo caso infatti, è noto che proprio intorno a quell’età cominciano le prime erezioni, anche se con la stimolazione manuale si può provare piacere ma ancora non si verifica l’eiaculazione.

Col passare del tempo e i primi sviluppi (12 – 14 anni) la masturbazione viene vissuta in maniera più completa, e si iniziano a scoprire le sensazioni relative all’orgasmo vero e proprio: gli adolescenti poi, tendono una volta in coppia a regalarsi piacere l’un l’altro attraverso il petting, masturbazione reciproca che spesso però viene praticata parallelamente all’autoerotismo: solo così infatti, non conoscendo ancora a fondo il proprio corpo, alcuni adolescenti riescono a raggiungere il picco del piacere.

La masturbazione in età adulta tende a scomparire, ma c’è chi continua a praticarla in presenza di un/una partner con cui non si riesce a raggiungere una perfetta intesa sessuale, come preliminare al sesso vero e proprio o anche all’interno del rapporto per creare ancora più coinvolgimento e migliorare r/o velocizzare l’orgasmo praticando la stimolazione manuale degli organi sessuali durante il coito. O ancora, in casi di lunghi periodi vissuti da single, in cui alcuni soggetti sentono il bisogno di un orgasmo come una vera e propria necessità.

In ogni caso, la pratica dell’autoerotismo non va assolutamente vissuta con senso di colpa, a qualunque età se ne faccia uso, perché fa parte della nostra fisiologia provare desiderio sessuale e cercare di trarre da esso il maggior godimento possibile.