A 16 anni Elif, una studentessa tedesca lascia Monaco per la jihad

La studentessa tedesca Elif, capelli biondo platino e piercing sul labbro, è volata in Turchia con 300 euro in tasca per raggiungere la Siria e seguire le regole della jihad. In valigia aveva un niqab nero

chiudi

Caricamento Player...

La Siria continua ad affascinare sempre più giovani che decidono di lasciare tutto per arruolarsi nella jihad e intraprendere una folle “Guerra Santa”.

L’ultimo caso è stato segnalato in Germania dove Elif, una ragazzina di 16 anni a fine febbraio era scappata di casa per seguire la jihad. Con lei una piccola borsa: qualche indumento, due paia di scarpe, soprattutto il niqab, nero.

Inizialmente i genitori erano convinti che Elif fosse da un’amica. Poco dopo scoprirono che la jihad aveva una nuova adepta: la loro figlia di 16 anni.

Il padre della ragazzina disperato come il resto della famiglia, è partito in questi giorni per la Siria, dove sempre più ragazzi volano affascinati dalla jihad.

Distrutti dal dolore i parenti e gli amici della piccola Elif che mai si sarebbero aspettati un siumile gesto.

I genitori hanno trovato scritte colorate sui quaderni di Elif dove è riportato:

“Viva lo Stato islamico” ma ancora non riescono a mettere insieme i pezzi, a conciliare quella Elif degli ultimi tempi, ossessionata dalla preghiera e dalla religione, con la figlia cresciuta nella massima libertà.

Forse all’origine di questa terribile decisione c’è stato un piccolo trauma: un cambio di quartiere, di scuola, quando Elif aveva quattordici anni. La ragazza aveva fatto fatica a legare nella scuola nuova. Alla fine aveva trovato un’amica, Aische, con la quale usciva e andava a fare shopping. Nei selfie con Aische, Elif è biondissima, indossa dei pantaloni aderenti, fa sfoggio di un piercing alle labbra.

Un giorno però la ragazza, ubriaca, cade nell’acqua gelida del fiume di Monaco di Baviera.

Gli amici riescono a trascinare Elif fuori dall’acqua, un’ambulanza la porta in ospedale. I medici consigliano ai genitori di portarla da uno psichiatra: ha chiari sintomi di depressione.
Qualche giorno dopo, Elif chiede il permesso di portare il velo fino a quando prenota un biglietto di sola andata per la Siria: la jihad ha colpito ancora.