Nel film 50 Sfumature di grigio non ci sarà il nudo frontale di Jamie Dornan

Brutta notizia per le fan di “50 sfumature di grigio”: Jamie Dornan ha dichiarato che non ci sarà nessuna scena di nudo frontale.

chiudi

Caricamento Player...

Mancano pochi mesi all’uscita nelle sale dell’attesissimo “50 sfumature di grigio”, il film tratto dal best-seller di E.L. James.

Jamie Dornan, che interpreta il sexy protagonista maschile Christian Grey, ha rilasciato una dichiarazione che deluderà le sue fan:

“Abbiamo rispettato il contratto che abbiamo firmato prima di girare il film. La produzione non voleva scene volgari né brutte da vedere”.

L’attore 32enne in un intervista esclusiva a The Observer ha continuato dicendo:

“Se si vuole arrivare ad un pubblico più vasto possibile, non puoi fare qualcosa di gratuito e brutto da vedere. Da contratto, non ci saranno scene di nudo frontale e il pubblico non vedrà il mio… “Todger”

Jamie ha coniato questo neologismo per descrivere le sue parti intime e con questa dichiarazione ha smentito le voci che, da tempo, girano in rete.

[wooslider slider_type=”attachments” limit=”20″]

Foto tratte dal sito The Observer.

Dornan ha voluto essere schietto fino in fondo e ha continuato dicendo che non mancheranno invece le scene di sesso:

“Sam Taylor Johnson è una donna molto brillante e sono sicuro che è riuscita a renderle molto suggestive. Io però non ho ancora visto il risultato finale, quindi per me è difficile rispondere. Sono consapevole di quello che abbiamo girato e e non sarebbe così se non ci fosse stata azione”.

Il giovane attore, che ha un passato da modello, ha poi parlato delle grandi aspettative sul suo personaggio:

“Non riuscirò mai a soddisfare i 100 milioni di persone che hanno letto il libro! Sarei fortunato se già la metà di loro si ritenesse soddisfatta del mio Christian Grey. So che già esistono campagne di boicottaggio nei miei confronti”.

In difesa dell’adattamento, ha poi dichiarato che “il film non è il libro”, per poi sottolineare l’immenso talento della regista Sam Taylor Johnson e di “aspettare di vedere prima di giudicare”.