5 Seconds Of Summer: la nuova Boyband che fa impazzire le Adolescenti

Una nuova boyband fa breccia nel cuore di tantissimi adolescenti. Parliamo dei 5 Seconds Of Summer, ovvero 5 ragazzi che si sono fatti conoscere in Italia perché hanno aperto i concerti, a Milano, degli One Direction.

chiudi

Caricamento Player...

5 Seconds of Summer: a molti può risultare nuovo questo nome, eppure la boyband nata su Youtube, il cui primo brano ha ottenuto 45 milioni di clic ha aperto i concerti dei One Direction. Oggi saranno in streaming su Google, in Italia alle 10 di stasera.

La band, australiana, è formata da quattro ragazzi:  Luke Hemmings, Michael Clifford, Calum Hood e Ashton Irwin. Il loro primo album, “She Looks So Perfect” è stato al primo posto su iTunes in 55 paesi e sul web ha ottenuto 45 milioni di clic. Il loro primo disco porta il nome del gruppo, 5 Seconds of Summer ed è frutto di un lavoro di due anni con la major Capitol-Universal.

5 Seconds Of Summer è un gruppo nato solamente tre anni fa ed è composto da giovanissimi cantanti australiani uniti dalla passione per la musica e dal desiderio di suonare insieme. Il primo album del gruppo è intitolato proprio “5 Seconds Of Summer”. Nel 2011, infatti i quattro ragazzi australiani della band iniziano a postare loro video presentando una serie di cover di brani molto famosi.

I One Direction in questo caso hanno giocato il ruolo dei talent scout, o anche della band saggia arrivata che dispensa consigli e così, ecco i 5 Seconds of Summer sul palco insieme alla famosa band per aprirne i concerti. Hanno dato il via anche alla tappa Milanese allo stadio San Siro dove i One Direction regalato ben due date di performance il 28 e 29 giugno.

Con i 5 Seconds of Summer pare di rivivere, con una dose infinitamente più bassa di talento musicale, al periodo dei Take That e di tutte le boyband che si sono susseguite, con successi alterni. Luke Hemmings, Michael Clifford, Calum Hood e Ashton Irwin i nuovi idoli del momento che vedono il loro successo crescere in maniera esponenziale.

Emanuela Bertolone.