Tra 100 anni aprirà la Biblioteca del Futuro ideata da Katie Paterson

L’artista scozzese Katie Paterson con il sostegno di tanti autori della letteratura contemporanea ha ideato la Biblioteca del Futuro.

chiudi

Caricamento Player...

La Biblioteca del futuro è costituita da un bosco della Norvegia di mille alberi da cui si ricaveranno cento libri di coloro che aderiscono all’iniziativa.

La Biblioteca del futuro ha lo scopo di conservare l’arte letteraria del presente. Gli autori che hanno aderito all’iniziativa sono entusiasti del progetto di Katie Paterson, è ovvio che tra cento anni non potranno conoscere l’esito delle loro pubblicazioni.

Partecipano al progetto cento autori prescelti e la biblioteca di Oslo, i libri pubblicati verranno conservati in una stanza che si trova nella Nuova Biblioteca di Oslo, creata per l’intento dall’artista ideatrice del progetto.

La Biblioteca Futura è stata accolta bene da Margaret Atwood, autrice di libri come “L’assassino cieco”e “Il racconto dell’ancella” che ha motivato il suo entusiasmo sulle pagine di The Guardian:

“ Riporta dritto a quella fase dell’infanzia in cui seppellivamo piccoli oggetti in giardino, sperando che qualcuno li ritrovasse in un futuro lontano e pensasse: “com’è interessante questo pezzo di latta arrugginita, questo sacchetto di biglie. Chissà chi ce l’ha messo?”

Gli scrittori ingaggiati per la Biblioteca del Futuro sono chiamati a scrivere un testo che resterà inedito fino al fatidico 2114.