10 mosse per… non perdere i bambini durante l’estate!

Estate, libertà, relax e si rischia di perdere i bambini tra la folla in luoghi sconosciuti: ecco dieci regole per non perderli

chiudi

Caricamento Player...

In estate si tende a essere più distratti e più tolleranti, ma da genitori, si rischia di perdere il totale controllo dei propri bambini, che spesso si trovano in posti nuovi e affollati e tendono a perdersi più facilmente.

Leggi anche: Arriva Semiperdo: l’app per ritrovare facilmente i bambini

Ecco 10 mosse per aiutarli a non perdersi:

  1. La prima cosa è stabilire delle regole e degli spazi entro cui può muoversi: per ogni spostamento più lontano, deve avvertire.
  2. Dargli dei punti di riferimento: in spiaggia ad esempio può essere il colore degli ombrelloni, o un particolare bar.
  3. In spiaggia è bene fare in modo che riconoscano il bagnino della propria spiaggia, spiegandogli che possono rivolgersi a lui in caso di necessità
  4. Bisogna insegnare ai bambini, in caso si perdano a chiedere aiuto a altre mamme o papà con bambini al seguito, per evitare che chiedano alle persone sbagliate.
  5. Se è abbastanza grande, il bambino deve sapere a memoria almeno un numero di telefono, o della mamma o del papà
  6. Se è ancora troppo piccolo per questo, l’importante è che sappia pronunciare bene il suo nome e cognome.
  7. Nel caso si perda di vista il proprio bambino, è bene mantenere la calma e cercarlo nei luoghi in cui andrebbe di solito, come giochi attrezzati in spiaggia o altri bambini.
  8. In casi estremi chiedere l’utilizzo dell’altoparlate della spiaggia per chiamarlo
  9. In alcune spiagge ben attrezzate, ci sono servizi appositi per bambini che si smarriscono, come il Publiphono della riviera Romagnola
  10. Infine, quando si ritrova il bambino è importante fargli capire la gravità della situazione senza però rimproverarlo troppo, così, nel caso si perda nuovamente, non avrà paura di farsi ritrovare.